1. Pokémon Millennium  / 
  2. Notizie / 
  3. Recensioni

Nintendo Switch Sports, Recensione: benvenuti ufficialmente a Spocco Square

Con questa recensione puntiamo i riflettori su Nintendo Switch Sports, l’erede del colosso per Wii. Raggiungerà anche lui le classifiche?

di 
   · 8 min lettura Recensioni
Metti mi piace!
4

Abbiamo già avuto l’occasione di provare Nintendo Switch Sports in anteprima a febbraio 2022, grazie alle sessioni online aperte ai giocatori con l’Online Play Test. Con questa recensione del gioco completo, vogliamo confermare o modificare le nostre opinioni sulle attività sportive già provate precedentemente e raccontare le nostre impressioni sulle novità dell’erede di Wii Sports.

Ciò di cui siamo certi è che le aspettative sulle sue potenzialità sul mercato sono alte proprio per peso che ha sulle spalle in quanto successore di un colosso. Il titolo, acquistabile in versione digitale direttamente sul Nintendo eShop per 39,99€ o in versione fisica per 49,99€ con un bundle che contiene anche una fascia per la gamba, non ha ricevuto lo stesso trattamento del predecessore, il quale veniva venduto appaiato alle console Wii. Il lavoro è rimasto nelle mani di Yoshikazu Yamashita a distanza di anni, e il fatto che sia stato rilasciato il 29 aprile 2022, a più di 5 anni dalla nascita di Nintendo Switch, potrebbe rivelarsi un fattore importante dal punto di vista della necessità di avere questo titolo sulla console.

Un confronto generazionale

Concettualmente, nell’idea di dar vita a un gioco incaricato di continuare ciò che ha iniziato Wii Sports è intrinseco un lavoro di miglioramento che sia degno dei quindici anni che separano quest’ultimo da Nintendo Switch Sports. L’aspetto grafico ha stupito parecchio e rende l’esperienza di gioco particolarmente gradevole. Per quanto riguarda la personalizzazione, è quella novità che rende personale la propria carriera da atleti, con la possibilità di modificare quando e come si vuole abiti, lineamenti, connotati e soprannomi del proprio avatar, il nuovo personaggio standard caratteristico del gioco, ma sono supportati anche i Mii. Non viene distinto esplicitamente il sesso maschile da quello femminile, ma bisogna di associarli da sé. Nuovi accessori e attrezzature vengono aggiunti settimanalmente e possono essere vinti semplicemente giocando online, ovvero accumulando punti partita per ottenere una ricompensa casuale dai set disponibili per periodi limitati.

Nintendo Switch Sports

I sei complessi sportivi che animano Spocco Square sono ben dettagliati all’esterno e all’interno. Peccato siano pochi quante sono gli sport a disposizione, i quali purtroppo sono rimasti dello stesso numero di Wii Sports, anche se, già dall’annuncio, sappiamo che verrà aggiunto il Golf in autunno: potrebbe ricevere ulteriori aggiornamenti nel corso del tempo?. Inoltre è andata completamente perduta la modalità allenamento, che spezzava la monotonia nel titolo del 2006.

In compenso, l’aggiunta della Lega Pro in modalità online aggiunge quel pizzico di competitività che forse mancava. Il giocatore può raggiungere il primo grado di Lega Pro semplicemente giocando tanti match di un determinato sport. Poi sarà suo compito scalare le classifiche, sfidando avversari sempre più agguerriti per raggiungere il grado A+ da quello E di partenza. Ma se non si è in forma, si può anche interrompere il gioco competitivo dal menu impostazioni e continuando a giocare per puro divertimento. Quest’aggiunta porta alla comprensione dei giocatori che, a meno che non si giochi con amici o in famiglia, giocare in singleplayer non ha alcun senso.

Nintendo Switch Sports

Le colonne sonore rimasterizzate rendono Nintendo Switch Sports è un’ondata di ricordi per i fanatici del gioco per Wii e un’esperienza accogliente per i nuovi arrivati. Le animazioni dei personaggi associate agli effetti sonori dei movimenti sono perfette, ed esaltano ancora di più il coinvolgimento del gameplay. Questo ritorno al passato è animato anche dalle ridondanti avvertenze che il gioco rimanda al giocatore, quali “Indossa il laccetto per Joy-Con”, oppure “Stai giocando da un’ora, che ne pensi di fare una pausa?”, o ancora “Assicurati di avere abbastanza spazio intorno a te”. Per quanto questi avvisi siano eccessivi e, allo stesso tempo, strappino un sorriso ai giocatori da quindici anni a questa parte, giocare in sicurezza è fondamentale.

Bowling, Chanbara e Tennis

Per questi tre sport che offre Spocco Square siamo partiti con un giudizio già acquisito dall’esperienza dell’Online Play Test di febbraio, raccontata per intero nella precedente anteprima. Queste sono tre attività riprese dai precedenti titoli: il Bowling e il Tennis sono due classici di Wii Sports e Chanbara è stata la sorpresa Wii Sports Resort. Vale per tutti e tre l’elemento comune del miglioramento, sebbene esso sia legato più in generale all’update tecnologico che ha incontrato Switch dopo l’esperienza di Wii. I movimenti effettuati con il Joy-Con dal giocatore corrispondono con ancor più precisione a quelli del personaggio nel gioco, ma non in tutti i casi toccano la scelta direzionale.

Per il Bowling non c’è molto da aggiungere, se non congratularsi con gli sviluppatori per il realismo che è stato dato all’esperienza tra le piste. Sulla palla e sui birilli agisce la stessa fisica del pianeta Terra, con inquadrature eccezionali e in più è possibile dare un effetto alla palla dopo aver effettuato il lancio muovendo il polso. Oltre alla modalità battle royale online, in giocatore singolo è possibile mettersi alla prova con sfide a ostacoli, le quali sono le uniche che ricordano la vecchia versione allenamento del titolo per Wii. Con il comparto sonoro che offre Nintendo Switch Sports, possiamo affermare che il Bowling continuerà a essere la sua colonna portante: lo sport più amato dai giocatori.

Diversa è la storia per i duelli di Chanbara, che abbiamo trovato parecchio migliorati ma sempre un passo indietro in quanto attività sportiva. Il tutorial interattivo è chiaro ma lungo, proprio per la difficoltà del gioco. La fedeltà del motion control è fondamentale, ma ancora ci sono delle imperfezioni sulla parata dei colpi. La scelta tra la spada standard, quella a energia con la quale si può effettuare un colpo caricato, e le doppie spade è molto apprezzata e permette di sperimentare più modalità di combattimento. Di certo, l’area adibita al Chanbara è quella più elegante di tutta Spocco Square.

Nel Tennis è particolarmente evidente la limitazione del sistema di controllo dei Joy-Con. In un set due contro due, ogni giocatore controlla entrambi i personaggi su terra rossa, ma stavolta quello sotto rete è un ologramma del principale che si trova a battere il servizio. Dritti e rovesci dipendono tanto più dal tempismo del movimento quanto la direzione che si vuole dare alla pallina, tanto che in caso di errore ci viene segnalata la motivazione (troppo in anticipo o troppo in ritardo). L’aggiunta della schiacciata e il ritorno del servizio potente rendono questo sport il più fedele al titolo originale.

Badminton, Calcio e Pallavolo

Passiamo ora alle tre attività che non erano disponibili nell’anteprima di febbraio, ovvero le novità assolute del nuovo gioco di Nintendo. Il Badminton è lo sport, secondo noi, con meno presa dell’intera esperienza. Possiamo definirlo un downgrade sostanzioso rispetto al Tennis, che vede un continuo e monotono scambio uno contro uno. Anche con la variazione della smorzata premendo ZR, che rende questo sport fedele alla realtà, è un fallimento anche in ottica competitiva, e la facilità dei meccanismi lo rende qualitativamente inferiore.

Altra novità è il Calcio che… non va giocato con i piedi. I due Joy-Con vanno tenuti in mano, ci si muove con la levetta sinistra e si tira scuotendo quello della mano preferita. La palla è grande quanto i giocatori, si gioca quattro contro quattro, di sponda e senza portieri. Si può sfruttare un’accelerazione fino al termine della barra di stamina che ha ricordato molto Zelda: Breath of the Wild. In base al movimento del Joy-Con, che va effettuato sempre con tempismo, si possono effettuare tiri in tutte le direzioni ma alla stessa intensità. Ci sono anche due tiri speciali: il colpo di testa in tuffo e la rovesciata. Andare avanti palla al piede è impossibile, perché non si ha il minimo controllo a meno che non si effettui il tiro. La fascia per la gamba, venduta in dotazione con la versione fisica di Nintendo Switch Sports, è del tutto inutile ai fini delle partite, ma si utilizza unicamente per i calci di rigore in singleplayer. Anche questi c’entrano poco con il calcio reale, dato che il loro funzionamento consiste nel calciare al tempo giusto il pallone dopo un cross di un CPU. Poco da dire: è la nuova aggiunta più fallimentare.

Discorso del tutto diverso per la Pallavolo, che per noi detiene il primato come sport più riuscito di tutto Nintendo Switch Sports. In un match due contro due, la collaborazione è fondamentale ed è altrettanto importante seguire il tutorial, che spiega passo per passo i quattro movimenti di gioco: bagher, palleggio, schiacciata e muro. La corretta esecuzione di ognuno di questi è determinata, come abbiamo già detto, dal tempismo, contrassegnato da un diverso colore della scia che segue la palla: verde, giallo e, infine, viola. Se nel Tennis si può decidere dove direzionare il colpo, in questo caso non vi è alcun libero arbitrio. Quando i tre passaggi dell’azione vengono effettuati con tempestività, l’efficacia della conclusione sarà altrettanto pericolosa per gli avversari. Attenzione però al muro, che per essere effettuato alla perfezione è necessario muovere il proprio personaggio con lo stick del Joy-Con scelto.

Conclusioni

Era necessario un ritorno di questo tipo, e Nintendo Switch Sport ha colto a pieno l’occasione di mostrarsi come l’erede quasi perfetto del colosso che ha raggiunto le più alte classifiche di vendite mondiali. Con qualche miglioramento degno di nota, e qualcuno non proprio sufficiente, ha raggiunto il suo obiettivo di diventare un’esperienza riuscita. Le attività sportive, diverse tra loro per qualità e difficoltà delle meccaniche, sono comunque alla portata di tutti. Il motion control si riconferma un valore aggiunto di Nintendo Switch, perdendo però di realismo negli sport con rete in quanto non c’è alcuna possibilità di scegliere la direzione dei movimenti. Ottima aggiunta quella della Lega Pro, ma peccato la perdita della modalità allenamento. Le colonne sonore remixate sono meravigliose, ma lo stile grafico è il vero fiore all’occhiello del gioco, sia per quanto riguarda i nuovi avatar personalizzabili, sia per le aree in cui si svolgono i match sportivi.

Voto: 8

Pro
Stile grafico particolare di avatar e ambient
Lega Pro e competizioni online
Miglioramenti degli sport sufficienti
Coinvolgimento delle diverse attività
Contro
Poche attività sportive e conseguente ridondanza
La direzione dei movimenti dipende unicamente dal tempismo
Fascia per gamba inutile ai fini del gioco
Mancanza della modalità allenamento
Caricamento..
Caricamento..

Cosa ne pensi? Facci sapere la tua sulla nostra chat Telegram, sul Forum o sui canali Social!

Nintendo Switch Nintendo Switch Sports Wii Sports

Promozioni

Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..

🕘  Notizie recenti

💬  Ultimi commenti su questa notizia