Nintendo sta cercando nuove tecnologie per la sua prossima console portatile?

Quale strada sceglierà di intraprendere la grande N per il suo futuro?

1707

Durante questo ultimo anno tutto il mondo dei videogiochi è stato sconvolto dall’arrivo di Nintendo Switch, la prima console in grado di coniugare l’intrattenimento casalingo alla comodità di un dispositivo portatile, per giocare ovunque in piena libertà. Prima della nuova ibrida eravamo abituati a vedere il mondo delle console fisse, come Wii, come totalmente separato da quelle portatili, come Nintendo 3DS.

Nonostante Nintendo Switch sia sempre stato presentato come una console casalinga, legittimo successore di Wii U, è sempre più lecito chiedersi se il mondo dell’ibrido sia inevitabilmente destinato ad assorbire anche l’intera linea delle console portatili. Quale sarà la strada che Nintendo deciderà di intraprendere in merito a un eventuale successore di Nintendo 3DS? Più volte la grande N ha confermato che la famiglia di Nintendo 3DS, che solo a luglio ha visto l’arrivo di un nuovo inaspettato membro, il Nintendo 2DS XL, verrà supportata fino alla fine del 2018.

Durante l’ultimo incontro con gli azionisti il presidente della compagnia, Tatsumi Kimishima, ha confermato che nel prossimo futuro Nintendo Switch e Nintendo 3DS vivranno fianco a fianco ma che, al momento, ancora non ci sono certezze per il futuro.

Nintendo 3DS continua a vendere, quindi per ora ci auguriamo che i consumatori lo accolgano insieme a Nintendo Switch. Ma per quanto riguarda ciò che accadrà nel futuro, questo è un territorio inesplorato.

In merito a tutto questo Ko Shiota, amministratore della divisione Nintendo Platform Technology Development, sezione che si occupa specificatamente di sviluppo hardware, ha confermato che la grande N è alla continua ricerca di nuove tecnologie per le console del futuro.

Da un punto di vista tecnologico, i sistemi di gioco per le console casalinghe, i sistemi di gioco portatili e un sistema unico come Nintendo Switch (una piattaforma di videogiochi dedicata con le caratteristiche di un dispositivo portatile), utilizzano ognuno diversi tipi di componenti e di memoria. Le tecnologie richieste differiscono, a seconda che ci si debba concentrare sul consumo di energia, sulle prestazioni o su un equilibrio tra i due. Per quanto riguarda lo sviluppo, non abbiamo ancora deciso in quale direzione orientarci, ma abbiamo una serie di possibilità in esame. Alcune delle tecnologie che potrebbero tornarci utili potrebbero impiegare ancora molto tempo per finire di essere sviluppate, e sono comunque in continua evoluzione. Così, invece di restringere il nostro campo, stiamo allargando la ricerca. Una volta deciso che strada prendere per le future piattaforme all’interno dell’azienda, inizieremo rapidamente i preparativi per tenere traccia delle tecnologie necessarie.

Sembra quindi che il futuro di Nintendo sia ancora molto incerto e noi, nel frattempo, non possiamo fare altro che goderci il nostro sempre verde Nintendo 3DS o il nostro nuovo fiammante Nintendo Switch, che ospiterà il prossimo titolo dei Pokémon. A voi piacerebbe, in futuro, l’arrivo di una nuova dedicata console portatile? Oppure preferireste un ampliamento della famiglia di Nintendo Switch, con magari una versione Pro, dall’hardware migliorato, o una versione Mini, maggiormente coniugata verso il gioco portatile?

Commenti dal forum

Discutine sul forum