...
GDC 2019: il 45% degli sviluppatori è molto interessato a lavorare su Nintendo Switch

GDC 2019: il 45% degli sviluppatori è molto interessato a lavorare su Nintendo Switch

Metti mi piace!
0 3

Un sondaggio diffuso in occasione della GDC 2019 ha rivelato che il 45% degli sviluppatori è interessato a lavorare su Nintendo Switch, l’ibrida della casa di Kyoto che di recente è stata protagonista di un nuovo Indie Highlights e che, a poco meno di due anni dal suo sbarco sul mercato, dispone già di un parco titoli considerevole.

Questo trend positivo è confermato da una serie generale di andamenti al rialzo. Dalla rilevazione, infatti, è emerso che per il 9% degli sviluppatori Nintendo Switch è l’ultima piattaforma per cui è stato rilasciato il proprio lavoro: si tratta di un aumento del 5% rispetto ai dati dello scorso anno. Altro fattore di estremo interesse è la crescita degli sviluppatori che stanno attualmente lavorando sulla console Nintendo; stiamo parlando del 18% degli intervistati, il 12% in più rispetto alle cifre della GDC 2018. Il 22% dei programmatori di videogiochi, invece, ha pianificato di rilasciare sulla console ibrida il suo prossimo prodotto: vien da sé che buona parte di questi numeri proviene dal mondo indie, che sulla piattaforma di Nintendo sta trovando un ottimo mercato in virtù della versatilità della console e dell’eccezionale riscontro di vendite. In ogni caso si tratta di dati considerevoli, che dimostrano la crescente fiducia degli addetti ai lavori.

Fiducia certamente ben riposta, considerato che il 42,8% di quanti hanno risposto al sondaggio ha affermato di aver venduto meglio su Switch rispetto ad altre piattaforme, a fronte del 37,5% di coloro che hanno ottenuto un risultato sostanzialmente paritario e di un 21,4% che ha distribuito meno copie sulla console di Mario & Company. Da ciò non può che conseguirne, come abbiamo evidenziato in apertura, che il trend degli sviluppatori interessati a lavorare sull’ibrida Nintendo è in aumento: rispetto al 36% dello scorso anno si è registrata una crescita del 9%.

Questi dati numerici raccontano la storia di un prodotto che è riuscito a imporsi nelle scelte dei consumatori non soltanto per il monopolio dei titoli first-party (Pokémon, Zelda, Mario, Splatoon), ma anche – almeno sulla carta – per una crescente fetta di giochi di terze parti, con un occhio di riguardo all’universo in espansione dell’industria indipendente. Il 2019 sarà, verosimilmente, sia un anno di conferme (Yoshi’s Crafted World, la nuova generazione Pokémon e molto altro ancora da scoprire) che di sfide all’orizzonte, con il possibile annuncio delle nuove ammiraglie Sony e Microsoft attese forse per la fine del 2020. La concorrenza è come sempre agguerrita ma, fino a questo momento, i numeri per rispondere colpo su colpo ci sono. Vediamo se queste cifre si trasformeranno in palle di cannone.

Caricamento..
Caricamento..
Offerte Instant Gaming
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Articolo di Redazione
...

Da sviluppatore hobbista per quanto riguarda i giochi, professionista per quanto riguarda la mia attuale posizione lavorativa posso dire che Nintendo Switch è sicuramente interessante supportando i principali motori grafici di default e avendo una buona apertura verso il mondo indie.

Inoltre la piattaforma è abbastanza potente da consentire la creazione della quasi totalità dei giochi (in particolare tra gli indie che non necessitano di fotorealismo) ed è rivolta ad un pubblico che si aspetta giochi di qualità (tecnicamente parlando la switch è simile ad un tablet, ma il pubblico che usa i tablet è più interessato a free2play di dubbia qualità).

 

Non ho ancora avuto modo di cimentarmi nel porting del mio attuale progetto e di capire le peculiarità di Switch, ma immagino che se il mio progetto gira su pc, mac, linux, ios ed android possa funzionare anche su switch senza alcun problema. Ho solo qualche dubbio sul mappaggio dei comandi e sulla possibilità di usare il browser di switch per un'autenticazione oauth 2 per i salvataggi su cloud (che nel mio attuale progetto sono cross-platform e permettono all'utente di settare il proprio account dropbox, google drive o mega per evitare di dipendere dai servizi specifici della piattaforma e per poter recuperare i salvataggi anche da una piattaforma all'altra).

...
19 ore fa, yumenaut ha scritto:
GDC 2019: il 45% degli sviluppatori è molto interessato a lavorare su Nintendo Switch
Un sondaggio rilasciato in occasione della GDC 2019 parla chiaro: l'interesse degli sviluppatori a lavorare su Nintendo Switch è in deciso aumento.

Leggi la notizia

Ci vorrei sviluppare anch ' io 

Tocca per altri articoli