...

Hitoshi Ariga è il designer dei fossili di Galar

Hitoshi Ariga è il designer dei fossili di Galar

Metti mi piace!
5 7

Come in ogni gioco Pokémon che si rispetti, non possono mancare al suo interno i fossili. In Pokémon Spada e Scudo ne sono stati introdotti diversi, dalle forme assai bizzarre, i quali sono stati realizzati da Hitoshi Ariga.

A rivelarlo è stato proprio lui stesso in un post su Twitter, dove è possibile vedere un’illustrazione contenente al suo interno Dracozolt, Arctozolt, Dracovish e Arctovish.

Hitoshi Ariga

Oltre ad aver illustrato i suddetti fossili presenti in Pokémon Spada e Scudo, Hitoshi Ariga ha anche disegnato delle illustrazioni per le carte Pokémon. Inoltre si è prodigato nel realizzare disegni per libri per bambini e manga.

Che dire per quanto siano i Pokémon fossili più bizzarri e assurdi che si siano mai visti nella storia del franchise, vi è da dire che Hitoshi Ariga è riuscito a realizzare dei mostriciattoli molto originali e singolari.

FONTE: Twitter @ariga_megamix

Cosa ne pensi? Facci sapere la tua sulla nostra chat Telegram, sul Forum o sui canali Social!
Offerte Instant Gaming
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Articolo di Matteo Perini
...

Il loro design è un po’ bizzarro e difficilmente apprezzabile da tutti, ma è geniale la loro incarnazione: sono basati sui fossili di Crystal Palace, statue di creature preistoriche scientificamente inaccurate, dovute a studi poco chiari e delle volte arrotondati, ma che vennero prese per buone.

...

I fossili di ottava non mi piacciono per niente xD

Spoiler

ora che ci penso solo quelli di prima gen mi piacquero xD

 

...
24 minuti fa, Buzzwole1991 ha scritto:

I fossili di ottava non mi piacciono per niente xD

  Apri contenuto nascosto

ora che ci penso solo quelli di prima gen mi piacquero xD

 

Posso capirti, ma bisogna vedere l’intento dell’artista: una critica a come veniva percepita la scienza in quel periodo, ossia come vera al 100% nonostante errori come i fossili di Crystal Palace.

Anche ad esempio garbodor: dubito che una critica all’inquinamento nascesse per essere “bella”

Tocca per altri articoli