Mondo Pokémon

Una casa di moda italiana ha fatto sfilare Pikachu e Jigglypuff

Pochi giorni fa si è conclusa la Milan Fashion Week, uno degli eventi più importanti nell’ambiente della moda e l’occasione perfetta che ogni stilista ha di mostrare le proprie collezioni, facendosi conoscere o affermando la propria fama.

È proprio in occasione della Fashion Week che GCDS, azienda di moda italiana, ha voluto rendere omaggio al brand Pokémon tramite una serie di capi di abbigliamento a tema. Già alla New York Fashion Week, i mostriciattoli tascabili avevano fatto una breve apparizione nella collezione di Jeremy Scott, ma questa volta è stata data molta più importanza alle creature giapponesi. Nel video qui sotto, potete assistere all’intera sfilata, i capi di cui parleremo sono fra gli ultimi a venire mostrati.

Tutta la collezione (trattasi di una collezione primavera/estate) è stata presentata con uno stile aggressivo e totalmente sportivo. Non c’è da stupirsi, dato il nome della casa: GCDS è infatti l’acronimo di God Can’t Destroy Streetwear (Dio non può distruggere lo streetwear) e da sempre l’azienda realizza capi prendendo ispirazione dalla cultura pop e dalla vita urbana. Ovviamente questa collezione non ha nulla a che fare con il lancio di Pokémon: Let’s Go, Pikachu! e Let’s Go, Eevee!, ma il fatto che sia stata presentata a così poco dall’arrivo dei due titoli è sicuramente una simpatica coincidenza.

A differenza dei pochi capi presentati da Jeremy Scott a New York, GCDS ha realizzato molteplici look interamente dedicati a Pikachu e Jigglypuff, due dei più iconici mostri tascabili di prima generazione. In tutto sono stati presentati quattro look, tre dei quali basati quasi del tutto sul Pokémon Topo.

Il primo modello a sfilare è stato l’unico a presentare abiti maschili e, come elemento centrale, ha portato un maglione realizzato a maglia con il muso di Pikachu sopra, il resto dell’outfit è estremamente sportivo, con tanto di scarpe da ginnastica e pantaloncini corti. Uno zaino, infine, rende il look ancora più urbano. Sembra quasi di vedere un Allenatore Pokémon sfilare!

Il secondo look in passerella, l’unico interamente dedicato al Pokémon Pallone, mostra un maglione simile al precedente, ma con Jigglypuff sopra. Un paio di stivali rosa con lo stesso mostriciattolo utilizzato come ginocchiere rende il look decisamente estroso. Il tutto è portato un po’ più verso il mondo terreno da una minigonna mimetica.

Il terzo outfit è probabilmente il più bizzarro di tutti. Non tanto per il capo d’abbigliamento presentato, una tuta a pezzo unico con Pikachu reso come fantasia su tutta la superficie, quanto piuttosto per il make-up della modella, simile a quello di una cosplayer. Guardate bene quegli occhi: probabilmente li sognerete questa notte!

L’ultima modella porta il look più estremo di tutti: stivali simili a quelli di Jigglypuff, ma con Pikachu al suo posto, una tuta con lo stesso taglio della precedente decorata con scritte occidentali e giapponesi a mo’ di street art e, infine, un’acconciatura resa per ricordare le orecchie del Pokémon Topo. Un outfit decisamente eccentrico!

Cosa pensate dei capi di abbigliamento? Nonostante la presentazione estremamente singolare (o proprio grazie a essa) qualcuno di questi ha attirato la vostra attenzione? Ricordiamo che si tratta comunque di una casa di moda italiana e che è tutto realizzato a mano, quindi… chapeau!

Offerte Amazon

Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Articolo di Enrico Pons

Speciali

Commenti

...
Zaffira 30/09/2018 01:44:37

Il terzo sembra un alieno

...
ValerieTownshend 30/09/2018 06:04:53

Le felpe sono anche carine, ma il resto degli outfit, a mio avviso, è da fail assoluto. Se questa è alta moda no, grazie, preferisco il mio stile (t-shirt, leggins e crocs XDXDXD). Senza contare che la tipa con gli occhioni fa paurissima!!!

...
FireLizard 30/09/2018 06:51:37

Li sognerete sì,ma negli incubi

 

Tutti i commenti

Entra nella nostra community

Scorri in su e in giu per gli altri articoli (o fai tap qui)