Ohmori rilascia un’intervista su Pokémon Sole e Luna!

0
2734

Qualche giorno fa la rivista tedesca N-Zone ha avuto modo di intervistare Shigeru Ohmori, game director di Pokémon Sole e Luna.

Sole e Luna

Vediamo assieme quanto detto da Ohmori sui prossimi titoli di settima generazione, che verranno rilasciati in Europa il prossimo 23 novembre!

N-Zone ha innanzitutto voluto sapere come mai sono stati apportati così tanti cambiamenti alla serie rispetto alla sesta generazione. Ohmori a tal riguardo ha affermato:

Si tratta della prima volta che ho rivestito il ruolo di game director di Pokémon Sole e Luna. Per i giochi precedenti tale compito era affidato a Masuda. Ora è toccato a me decidere cosa mantenere e cosa cambiare dei titoli precedenti.

Ohmori ha poi voluto sottolineare che per il ventesimo anniversario delle note creature tascabili era necessario rinfrescare la serie con importanti novità. Per tale motivo si è deciso di sostituire le Palestre Pokémon con delle prove a cui il protagonista dovrà sottoporsi nel corso della propria avventura di Allenatore.

 

Pokémon-sole-e-luna-7-prove-capitani

 

Sempre in occasione del ventesimo anniversario si è pensato anche di trovare un modo per sorprendere i giocatori che hanno avuto modo di vivere l’evoluzione dei Pokémon fin dagli albori. Per questo è stato deciso di dare forme nuove alle creature tascabili (Forme Alola), e in particolare a quelli più familiari a tutti gli appassionati, ovvero quelli appartenenti alla prima generazione. L’idea per rendere possibile ciò è stata quella secondo cui alcune creature tascabili avrebbero assunto forme diverse da quelle note in altre regioni, come conseguenza del loro adattamento naturale ai particolari microclimi di Alola.

N-Zone ha poi voluto sapere se dopo il cosiddetto “giro delle isole” vi sarà qualcosa di simile ai Superquattro?

 

Lega Pokémon
Lega Pokémon in Pokémon X e Y

 

Su questa risposta Ohmori ha preferito lasciare un po’ di suspense ai giocatori senza svelare niente di particolare se non affermare che vi saranno belle e divertenti sorprese.

Altro punto di interesse è stato l’aver messo da parte le Megaevoluzioni a favore delle potenti Mosse Z.

 

Pokémon-mosse-z

 

Il game director di Pokémon Sole e Luna ha spiegato che la Game Freak voleva consentire ai giocatori di poter sperimentare nuovi tipi di strategie per rendere le lotte ancora più avvincenti. Le Mosse Z andranno così ad affiancarsi alla novità delle Megavoluzioni introdotta nella generazione precedente.

Ohmori ha poi trattato della possibilità di esplorare la nuova regione di Alola attraverso il Poképassaggio, che renderà l’esperienza di gioco più interessante e piacevole, e della differenza di 12 ore tra le due versioni di gioco. In Pokémon Luna, infatti, il gioco avrà un fuso orario spostato di 12 ore rispetto all’orario della console, in modo che di giorno sarà presente un’ambientazione notturna e di notte invece il gioco mostrerà il giorno.

 

Ambientazioni Pokémon Sole e Luna 1Ambientazioni Pokémon Sole e Luna 2

 

L’intervista è terminata con una domanda riguardante la difficoltà nel trovare, giunti ormai a oltre 700 creature tascabili, idee per realizzare nuove creature tascabili. Shigeru Ohmori ha risposto:

Sì, ovviamente progettare nuovi Pokémon è piuttosto difficile e può richiedere molto tempo, ma vi sono svariati metodi per creare nuove creature, come il basarsi su animali realmente esistenti o sulla regione in cui si vuole ambientare l’avventura.

Chissà come continuerà ad evolversi questa amatissima serie! Sicuramente, come ha lasciato intendere Ohmori, la Game Freak intende dare una rinfrescata continua ai titoli di gioco della serie principale e per questo possiamo aspettarci continue e innumerevoli ondate di novità.

Per il momento, però, non possiamo che limitarci ad attendere il rilascio di Pokémon Sole e Luna.

Cosa ne pensate di quanto affermato da Ohmori nel corso di questa intervista? Quali sono le vostre considerazioni sulle innovazioni apportate alla serie nel corso degli anni?

Commenti dal forum

Discutine sul forum