1. Pokémon Millennium  / 
  2. Notizie / 
  3. Rubriche

E se… a Sinnoh tutto andasse diversamente?

“E se”, due semplici parole che inserite in un determinato contesto possono portare a situazioni inaspettate, in questo caso proprio a Sinnoh

di 
   · 9 min lettura Rubriche
Metti mi piace!
5

Molto spesso diamo per scontato che tutto sia già scritto, che il fato e il caso non esistano, e se in realtà non facessimo altro che sbagliarci? Come ci hanno insegnato fumetti e film della Marvel basta un singolo, minuscolo evento per cambiare la storia così come la conosciamo.

«Tempo. Spazio. Creazione. Non hanno un andamento lineare. Formano un prisma di infinite possibilità, in cui ogni scelta può diramarsi verso realtà infinte, creando mondi alternativi a quelli già conosciuti. Sono un Osservatore Che Già Conoscete, la guida che vi condurrà in nuove realtà. Seguitemi, e riflettete sulla domanda… E se…?»

E se… Cyrus avesse vinto?

È una giornata particolare quella di oggi, il cielo si è rabbuiato all’improvviso mentre il nostro Allenatore è intento a raggiungere la Vetta Lancia dove sappiamo sconfiggerà Cyrus fermandone i piani di reset universale. E se in questa realtà invece ci fosse una frana inaspettata all’interno del Monte Corona, luogo fondamentale di Sinnoh, in modo tale che il nostro eroe rimanga bloccato all’interno e impieghi troppo tempo per raggiungere la cima consentendo a Cyrus di dare il via al suo piano?

Le Rossocatene hanno imbrigliato il potere di Dialga e Palkia, il desiderio viene espresso e di colpo una luce bianchissima investe tutto e tutti. Nulla si salva, il mondo così come lo conosciamo non esiste più.

e se sinnoh

Ci vuole un attimo a Cyrus per riaprire gli occhi, sfregarli con le mani e rendersi conto di trovarsi in uno stranissimo posto, pieno di tunnel che sembrano vivi e all’interno dei quali puó scorgere dell’energia muoversi all’impazzata.

“Ci sono riuscito! Finalmente ho annientando quel mondo malato che chiamavo casa! Ma adesso dove mi trovo? Devo mettermi in moto per creare il luogo perfetto!”

Ma per quanto ci provasse nulla succedeva, anche l’immensa forza di volontà e la determinazione del capo del Team Galassia erano inutili in quello strano luogo. L’unica cosa che Cyrus poteva fare era guardare il nulla sconfinato che si estendeva intorno a lui, salvo ogni tanto vedere come dei flash di energia in lontananza.

“Impossibile, anni di studio e adesso sono bloccato qui! Io ho acquisito il potere per dominare tempo e spazio! Io sono alla pari di un Dio e tutto l’universo deve inginocchiarsi a me e al mio volere! IO SONO DIO!!!

“Scusa potresti fare meno rumore? E comunque ti assicuro che tu non sei di certo Dio!”

Una voce dal nulla! E Cyrus vide una strana figura avvicinarsi a lui. Si trattava di un uomo con indosso un lungo cappotto marrone. I vestiti erano logori come se lo straniero avesse fatto un lunghissimo viaggio ma la sua espressione era beffarda, la tipica di chi ti sta nascondendo qualcosa.

“E tu chi saresti? Come puó esserci qualcun altro qui, nel mondo che sto creando da zero?”

“Ahahahha il mondo che stai creando da zero? Aspetta fammi capire, tu non hai idea di dove ti trovi vero? Questo posto misterioso è il Confine del Mondo, o meglio io lo chiamo così perché è un nome altisonante. In pratica ci troviamo nel punto zero, dove gli universi e le realtà nascono e muoiono”

“Il Confine del Mondo? Ma com’è possibile? Io ho usato la Rossocatena per imbrigliare il potere di Dialga e di Palkia per poter riportare il mondo alle origini e plasmarlo secondo i miei voleri. Non dovrei essere qui in questo nulla circondato da questi corridoi! Dove ho sbagliato?”

“Varchi non corridoi. Ultravarchi per la precisione! Ma tu sei Cyrus! Ho incontrato un Cyrus una volta, e se fossi lo stesso che ho trovato in quella strana versione di Sinnoh? Mmmm potrebbe, d’altronde non sono ancora esperto di viaggi dimensionali. Comunque mi duole dirti che anche se imbrigli i poteri di due Pokémon leggendari tu rimani pur sempre un uomo. Sì, probabilmente potrai spostarti tra tempo e spazio, ma il diritto di creare un nuovo mondo spetta solamente ad Arceus, mi dispiace.”

“Allora non ho modificato il mio mondo ma sono finito fuori dal tempo e dallo spazio così come li conosciamo, ecco perché mi trovo in questa sorta di limbo. Ma allora non tutto è perduto, posso esplorare le realtà alternative e scoprire nuove storie e così facendo imparare dai miei errori e raggiungere la perfezione. Ma tu chi sei realmente? E come mai viaggi tra le dimensioni senza problemi?”

A quella domanda lo straniero, che per qualche ragione sembrava ormai lontanissimo, si girò lentamente e disse: “Bellocchio. Mi chiamo Bellocchio ma questa è un’altra storia!”

Ritrovatosi nuovamente solo Cyrus stava facendo mente locale. Poteva viaggiare nel tempo ma non era sicuro di poterlo modificare. Nella sua mente però si stava formando un luogo, il posto perfetto da cui iniziare e, senza rendersene quasi conto, un piccolo condotto si formò davanti a lui. Con passo fermo il leader entrò nel condotto pronto a raggiungere la prossima meta della sua ricerca, dietro di lui solo una parola sussurrata a bassa voce: “Hisui…”

E se… Camilla fosse la professoressa Pokémon?

Tutti noi conosciamo Camilla, la temibile Campionessa della Lega Pokémon di Sinnoh e il suo fidato Garchomp. Una persona che ha diviso la sua vita tra le lotte in Palestra e la ricerca del passato della sua regione, concentrandosi soprattutto sui misteri e le leggende dimenticate. E se invece di diventare la Campionessa di Sinnoh, Camilla avesse abbandonato le lotte Pokémon e si fosse dedicata totalmente alla ricerca diventando la più giovane esperta di Pokémon e di mitologia di tutta la regione?

Sinnoh è da sempre patria di leggende, molte delle quali riguardano addirittura l’origine dell’universo stesso, non sorprende quindi che spesso e volentieri illustre figure si radunino in questa regione per presentare le loro nuove scoperte.

e se sinnoh

Ci troviamo di preciso in una tiepida giornata di ottobre e a Evopoli si sta per tenere un grande evento nel Centro Congressi posizionato nell’angolo a Nord Ovest della città. Tutti i professori si stanno incontrando qui per ascoltare la Professoressa Carolina che parlerà del passato e dei miti del mondo Pokémon e tutte le persone sono già in fila dal mattino presto per trovare un posto a sedersi all’interno della struttura. Bhe quasi tutte.

Una ragazzina dai capelli biondi corre a perdifiato sul percorso 211, una tracolla con all’interno un blocco per appunti e una Poké Ball contenente il suo piccolo compagno. Arrivare in ritardo è un lusso che non puó permettersi.

“Dannazione! Dannazione! Dannazione! Perché quella stupida sveglia non ha suonato! Farò ritardo al convegno e come se non bastasse la nonna mi ucciderà! Questa è l’occasione giusta per incontrare i migliori professori del mondo e far leggere anche a loro le mie scoperte!”

Nella tracolla che la ragazza tiene stretta a sé ci sono alcuni fogli messi in modo raffazzonato scritti da lei stessa e che sono il frutto dei suoi studi. Camilla, questo il suo nome, è appassionata di mitologia Pokémon e secondo i suoi studi, le leggende di Sinnoh hanno dei misteri che ancora devono essere scoperti; sua nonna le ha promesso di farle fare un piccolo intervento davanti a tutti ma arrivare in ritardo non è il modo esatto per iniziare la giornata.

“Viaviaviaviaaaaa spostatevi!!!! Sono in ritardo!!! Oh nononononononono!!!!” SBAM!!!!

Correre rende sbadati, e infatti la nostra Camilla travolge un signore che stava anche lui camminando sul percorso 211 facendolo cadere per terra. L’uomo, un signore distinto con un lungo camice bianco, si rialza e pulisce la terra dai suoi indumenti.

“Ragazza mia, dovresti fare più attenzione quando cammini, potresti seriamente fare del male a qualcuno!”

“Lo so mi scusi ma ero di corsa e…. o mio dio! Lei è il Professor Oak!?!?!? Quello vero!?!?!?!”

“Ahahahah non mi risulta che ci siano degli impostori in giro, ma sì, sono io. E tu chi saresti?”

“Mi chiamo Camilla e sono una sua grandissima fan! Ho letto tutte le sue ricerche e credo che lei sia il professore migliore al mondo… però per favore non lo dica a mia nonna!”

“Tua nonna? Ah ma non sarà che tua nonna è la Professoressa Carolina, famosa esperta di Pokémon e di mitologia? Beh comunque tu sei decisamente la mia fan più giovane! E questi appunti? Mmmmmm, cosa sarebbe il Mondo Distorto?”

“Oddio quelli sono miei! Mi devono essere caduti quando ci siamo scontrati! Sono gli appunti delle mie ricerche!”

“Mmmm quindi secondo te la storia di Sinnoh non è stata tramandata correttamente ed esisterebbero altri Pokémon leggendari di cui non si conosce l’esistenza. Devo dire che il tuo lavoro mi incuriosisce parecchio!”

“Sì! Sin da quando ero piccolina la nonna mi raccontava racconti su come era nato il nostro mondo e crescendo mi sono chiusa nella sua biblioteca a divorare tutti i suoi libri. Purtroppo ai miei coetanei sono sempre sembrata stramba ma ciò non mi ha mai fermata anche se.. spesso… mi sono sentita molto sola…”

“Ragazza mia io vedo il fuoco che arde nei tuoi occhi e sono sicuro che nascondi un grande potenziale dentro di te. La scienza e lo studio richiedono molti sacrifici ma sappi che alla fine sarai orgogliosa del tuo lavoro. Le tue teorie sono interessanti e se ti impegni da semplici storie sono sicuro che le trasformerai in realtà! E chissà magari un giorno sarai tu la nuova Professoressa di Sinnoh!”

“Grazie Professore! Farò tesoro di queste sue parole e mi impegnerò al massimo per diventare la migliore esperta di Pokémon di tutta Sinnoh! E adesso di corsa al convegno!”

Il tempo è passato da quell’incontro, o per meglio dire scontro, e i misteri di Sinnoh ancora non sono stati scoperti del tutto, ma adesso spostiamoci in un’altra città, Sabbiafine, dove un giovane Allenatore si appresta a entrare in un laboratorio. Ad accoglierlo un piccolo Gible saltellante e una donna bionda e dall’aria furba e intelligente.

e se sinnoh

“Benvenuto io sono Camilla, la Professoressa Pokémon di Sinnoh! È sempre un piacere vedere un giovane Allenatore in erba pronto a intraprendere un cammino pieno di sogni e speranze. E adesso dimmi, chi sceglierai come compagno? Turtwig, Chimchar o Piplup? Attento perché è una scelta molto importante!”


Quelli che avete appena visto sono solo due degli scenari possibili all’interno del Multiverso. Ogni scelta che fate, ogni percorso che intraprendete porta a risultati inaspettati e imprevedibili, possono essere positivi o negativi, non esiste un esito certo. E se queste scelte non fossero avvenute a Sinnoh ma in altre parti del mondo Pokémon, beh come vi ho già detto un po’ più in su… questa è un’altra storia!

Cosa ne pensi? Facci sapere la tua sulla nostra chat Telegram, sul Forum o sui canali Social!

E se Mitologia Sinnoh

Promozioni

Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..

🕘  Notizie recenti

💬  Ultimi commenti su questa notizia