1. Pokémon Millennium  / 
  2. Notizie / 
  3. Rubriche

Hisui: strani fenomeni e un viaggio nell’antico Hokkaido

Che cosa ci mostrerà Hisui in Leggende Pokémon: Arceus? L’ultimo trailer ci ha dato dei nuovi indizi su quello che potremmo aspettarci.

di 
   · 7 min lettura Rubriche
Metti mi piace!
8

L’ultimo Pokémon Presents, in cui sono stati mostrati dei nuovi trailer per i nuovi titoli che arriveranno nei prossimi mesi, è stato piuttosto importante per capire qualcosa in più su quello che i giocatori dovranno aspettarsi in Leggende Pokémon: Arceus. L’antica regione di Hisui, conosciuta in tempi moderni come Sinnoh, sarà lo scenario delle avventure dei primissimi “Allenatori” del luogo, che studieranno i mostriciattoli per formare il primo Pokédex della regione.

La civiltà a Hisui non sembra essere molto sviluppata e, oltre a questo, nessun’altra città è stata vista oltre al Villaggio Giubilo, luogo in cui forse abitano gli unici umani della regione. Il resto sembrerebbe essere una grande distesa verde, popolata dai Pokémon e alcuni di essi sembrano essere anche estremamente violenti nei confronti delle persone. Da cosa potrebbe prendere ispirazione quindi Hisui? E cosa nasconde questa antica regione?

ATTENZIONE: Questo articolo contiene ipotesi riguardanti la storia del gioco. Nulla di tutto ciò che leggerete è ufficiale e confermato da Game Freak o da The Pokémon Company.

L’influenza del mondo reale

Come già successo in altri giochi del franchise, anche Leggende Pokémon: Arceus sembra prendere ispirazione dal mondo reale per quanto riguarda il suo paesaggio. Infatti, la regione di Hisui assomiglia veramente moltissimo a Hakodate, una città giapponese portuale dominata da un alto monte che porta il suo stesso nome. Proprio come questa città anche Hisui presenta la sua montagna, il Monte Corona, che ormai i fan del brand conoscono molto bene grazie ai titoli di quarta generazione.

Anche la natura portuale di Hakodate potrebbe aver dato l’ispirazione per questa antica regione. I Pokémon iniziali che verranno scelti all’inizio dell’avventura non provengono da Sinnoh e quindi, molto probabilmente, sono stati portati a Hisui da qualcuno che ha già viaggiato parecchio e questo soggetto potrebbe essere il Professor Laven, il cui desiderio è quello di creare un Pokédex completo. Ma per ora è importante concentrarsi sulla regione; oltre a essere ispirata a Hakodate, qualche spunto potrebbe essere stato preso anche dalla prefettura di Hokkaido in generale.

Di questo avevamo già parlato in una precedente teoria, che però troverebbe delle conferme se davvero l’ispirazione principale dovesse essere Hakodate, situata nella zona sud-occidentale di Hokkaido. Gli abiti e lo stile adottato per il Villaggio Giubilo ricorderebbero proprio una città della prefettura, Otaru, luogo in cui la popolazione indossa degli abiti simili a dei kimono. Gli abitanti del Villaggio potrebbero anche rappresentare gli Ainu, un’antica popolazione che venne scacciata dalla città di Hakodate a seguito della rivolta di Shakusain.

Centinai di anni dopo varie guerre si scatenarono sul territorio dell’Hokkaido, che si vide contesa tra lo shogun e le forze leali all’imperatore Meiji. Il culmine venne raggiunto durante la battaglia di Hakodate, che durò dal 20 ottobre 1868 fino al 17 maggio 1869, momento in cui a vincere il conflitto fu Meiji. Questa grande guerra potrebbe proprio essere rappresentata in Leggende Pokémon: Arceus dalla discordia tra le creature e gli esseri umani, in un’era in cui i mostriciattoli non sono per niente considerati come compagni d’avventura. Prendendo altre ispirazioni dall’Hokkaido, anche la regione di Hisui ha subito un cambiamento del nome, diventando Sinnoh; infatti, la prefettura era conosciuta precedentemente come Repubblica di Ezo, subendo questo cambiamento nel 1896, dopo il Rinnovamento Meiji.

Una storia scolpita nella pietra e i clan

Il nome della regione, Hisui (ヒスイ地方) deriva da 翡翠, ovvero Giada, una pietra preziosa che potrebbe aver dato l’ispirazione proprio per il nome utilizzato in Leggende Pokémon: Arceus. D’altronde, varie zone presenti nel luogo fanno riferimento a dei minerali o a delle pietre, come per esempio la Landa Ossidiana. In queste zone è anche possibile vedere, negli artwork della mappa di Hisui, alcuni gruppi di persone che molto probabilmente sono gli abitanti di quei posti. Anche questi indossano degli abiti tradizionali che ricordano molto quelli usati a Otaru, ma nella mappa possono essere visti durante il compimento di alcune attività, come l’agricoltura che potrebbe essere una risorsa fondamentale durante quell’era, proprio come lo era per le popolazioni Ochotsk e Satsujin.

Ma la gente che è possibile vedere sembra essere divisa in clan. Tutti loro abitano vicino ai laghi in cui possono essere trovati i tre Pokémon misteriosi, Uxie, Mesprit e Azelf, creature che potrebbero essere considerate come divinità da questi gruppi. Inoltre, questi rappresentano l’unica civiltà visibile a Hisui e solo alcuni mostriciattoli sono in armonia con loro. Tutti gli altri sono ben lontani dagli umani, stando a significare che magari alcuni Pokémon sono già diventati alleati delle popolazioni. Non si è ancora parlato di clan in Leggende Pokémon: Arceus, ma se questi fossero presenti potrebbero rappresentare un ruolo fondamentale per la storia del gioco, la gente potrebbe avere delle credenze e ogni territorio avrebbe la sua divinità da venerare.

Gli “dei” che potrebbero pregare, oltre al Trio dei Laghi, sarebbero altri due: Dialga e Palkia. L’inizio della storia potrebbe vedere un conflitto tra questi clan, che però non durerebbe per tutto il gioco e si concluderebbe con la formazione di una nuova alleanza. Questo è accaduto anche nel mondo reale nella prefettura di Hokkaido, quando Ochotsk e Satsujin si unirono, formando il popolo Ainu. L’unione spiegherebbe anche la presenza della statua di Dialga e Palkia fusi nella città di Evopoli, un segno della congiunzione di queste popolazioni.

Team Galassia: eroi o malfattori?

Il Pokémon Presents del 18 agosto ha confermato una teoria che circolava dal primissimo annuncio del nuovo titolo; i protagonisti di Leggende Pokémon: Arceus faranno davvero parte del Team Galassia. La squadra di malvagi di quarta generazione avrà come capo addirittura l’antenato del Professor Rowan, il direttore Soruan, un pilastro del Team a cui tutti i componenti si affidano. Da quello che è stato visto finora dal trailer del gioco, il Team Galassia non sembrerebbe essere l’organizzazione malvagia vista in Pokémon Diamante, Perla e Platino, o almeno potrebbe non esserlo all’inizio del gioco.

Il protagonista sarà uno dei cattivi questa volta? Proprio la presenza di Soruan potrebbe far pensare che non sia così, oppure che ci possa essere un traditore all’interno del Team Galassia, il cui unico scopo è quello di sfruttare i Pokémon utilizzati per formare il primo Pokédex del Professor Laven, membro della Squadra di ricerca insieme a Selina, la Caposquadra. Sarà proprio lei a permettere all’Allenatore protagonista di entrare nel Team Galassia, vedendo forse in lui la possibilità di esaudire i suoi desideri, qualunque essi siano. In quest’era, il potere dei Pokémon sembra di gran lunga superiore a quello degli umani, che non sono così tecnologicamente avanzati, una cosa che Selina potrebbe aver preso in considerazione, sapendo anche che ci sono altre regioni là fuori da conquistare e che non potrebbe attuare i suoi piani senza l’aiuto delle creature.

Un nuovo fenomeno

Nel nuovo trailer di Leggende Pokémon: Arceus è stato possibile vedere come, durante certi eventi, qualcosa proveniente dal cielo colpisca alcuni mostriciattoli. Sembra come se dei fulmini si schiantassero sul suolo di Hisui, facendo inselvaggire ogni Pokémon che viene travolto da queste scariche di energia. Il cielo si crepa in vari punti, prima di rilasciare questo strano fenomeno che, nei tempi moderni, non sembra manifestarsi più. A cosa sia dovuto non è ancora chiaro, ma l’effetto che ha sulla regione sembrerebbe essere piuttosto pesante, così tanto da mettere in pericolo delle vite.

Che sia opera di Arceus? Oppure che sia collegato al Pokémon Primevo? Il fenomeno potrebbe essere causato da un’azione della creatura misteriosa e, magari, un altro mostriciattolo che non conosciamo ancora, forse per la sua estinzione, starebbe seminando il caos attraverso la sua battaglia con Arceus. Sappiamo come il Pokémon creatore del mondo sia stato coinvolto in diverse lotte e questa potrebbe essere una di loro. L’intensità della battaglia potrebbe creare delle anomalie sulla Terra, che creano dei fenomeni in grado di aumentare esponenzialmente la potenza dei mostriciattoli colpiti, facendo cambiare loro anche la statura.

Hisui

Nel trailer è infatti possibile vedere una grande differenza nelle dimensioni di questi feroci Pokémon rispetto a tutti gli altri presenti nell’overworld. Da certi punti di vista, questo fenomeno sembrerebbe essere simile al Dynamax causato dalla Notte Oscura, momento in cui le creature gigantesche seminarono il panico per tutta Galar, perdendo il controllo. Nel gioco, quando questi fulmini colpiranno il suolo di Hisui, probabilmente si cominceranno ad avere le prime battaglie contro i boss, che sostituirebbero le classiche lotte con i Capipalestra. Ma questa strana anomalia potrebbe non essere considerata come una nuova meccanica, dato che l’Allenatore sembrerebbe non essere in grado di sfruttarla dopo aver catturato il Pokémon.

In attesa dell’uscita di Leggende Pokémon: Arceus, il 28 gennaio 2022, altri indizi potrebbero uscire fuori e alcune nuove teorie avrebbero la possibilità di nascere. Per ora, cosa pensate e cosa vi aspettate da questo nuovo titolo, così diverso dai classici giochi Pokémon?

Cosa ne pensi? Facci sapere la tua sulla nostra chat Telegram, sul Forum o sui canali Social!

🕘  Notizie recenti

💬  Ultimi commenti su questa notizia

avatar
Di   

Bel articolo. Ancora devo vedere il video di cydonia

Prenota ora da GameStop
Preordina la tua copia per riceverla il giorno dell'uscita comodamente a casa, oppure ritiralo nel negozio più vicino a te!
Prenota ora da GameStop
Preordina la tua copia per riceverla il giorno dell'uscita comodamente a casa, oppure ritiralo nel negozio più vicino a te!