1. Pokémon Millennium  / 
  2. Notizie / 
  3. Recensioni

Soundfall, Recensione: azione a ritmo di musica

Soundfall prova a ritagliarsi uno spazio nei rhythm games e, fra alti e bassi, possiamo affermare che ci riesce.

di 
   · 4 min lettura Recensioni
Metti mi piace!
0

Soundfall, nuovo prodotto targato Drastic Game, si proponeva di reinserirsi in un genere, quello dei videogiochi musicali e rhythm game, piuttosto di nicchia. Dopo l’epoca Guitar Hero infatti nessun gioco del genere o quasi è riuscito a trovare la stessa fama nel mercato, soprattutto nelle nuove generazioni. Questo titolo, unendo un comparto action a meccaniche da rhythm game, può considerarsi un buon compromesso per i neofiti del genere, pur con dei limiti. Soundfall è disponibile dall’11 maggio su Nintendo Switch e altre piattaforme, al prezzo di 29,99 euro.

Salvare il mondo a ritmo di musica

La storia di Soundfall è sbozzata abbastanza di fretta, dato che nel giro di pochi filmati ci ritroviamo in medias res senza capire troppo il perché. La protagonista, una giovane con la passione per la musica, si ritrova catapultata nel mondo di Symphonia. Questo incipit da isekai si dipana poi con la necessità di salvare il mondo in questione, infestato da mostri chiamati Dissonanti, che vogliono intaccarne l’armonia. Inizierà così un viaggio solido e divertente, in un mondo parallelo che ha bisogno del nostro aiuto.

Soundfall

Se l’entrata in scena è un po’ brusca lo sviluppo lascia poi capire un po’ meglio i rapporti fra i personaggi. I nuovi personaggi e i mini dialoghi con l’unico esponente del mondo dove ci troviamo evocati, permettono di comprendere in modo più chiaro la struttura del mondo in cui ci muoviamo. Certamente il centro di un gioco del genere voleva essere il gameplay, perciò questa trama risulta sufficiente anche se un po’ scarna.

Un bel gameplay, anche se un po’ monotono

Il gameplay di Soundfall è efficace, anche se per un neofita potrebbe venire presto a noia. Il titolo è un susseguirsi di dungeon isometrici dove dei nemici, non molto vari, cercheranno di sbarrarci la strada pur essendo quasi solo carne da cannone. La base di tutto è ovviamente il ritmo: seguendo le belle canzoni di sottofondo infatti bisognerà eseguire ogni azione a tempo di musica, dagli spari ai salti, per massimizzare il risultato. Questo risulta abbastanza facile a inizio gioco, ma per chi si trova in difficoltà è previsto un metronomo guida in basso allo schermo. Se non saremo abbastanza coordinati incorreremo in vari alle armi e al personaggio, che può addirittura arrivare a bloccarsi per qualche istante

Soundfall

I livelli si susseguono un po’ come una catena di montaggio e la varietà non è il piatto forte della casa; soprattutto la mancanza di boss finali rende il tutto un po’ un unicum. Anche la componente RPG è appena abbozzata: armi e potenziamenti infatti non sono molto definiti e cambiano solo a livello di potenza di fuoco o di difesa, escludendo la differenza tra armi a distanza e in mischia. In ogni caso avanzare nella campagna rappresenta una vera e propria sfida, con livelli che diventano complessi da seguire a ritmo fra piogge di proiettili.

Una divertente alternativa è rappresentata dalla modalità multiplayer, invitando degli amici infatti è possibile giocare insieme divertendosi e scoprendo chi ha di più il ritmo nel sangue.

Soundfall: una tracklist spaziale

Il comparto sonoro è assolutamente il punto forte di Soundfall (e ci mancherebbe). I brani che animano i livelli sono assai variegati dal punto di vista del genere, e sono tutti assai orecchiabili tanto che vi sorprenderete a muovere la testa a ritmo giocando. Dal rap all’EDM c’è qualcosa per ogni appassionato, e il tutto è riproducibile anche dal menù principale e in modalità gioco libero. I differenti tipi di musica hanno anche un impatto sul gioco in quanto influenzano il loot a fine livello.

Soundfall

Dal punto di vista grafico il titolo è senza infamia e senza lode. I filmati che ogni tanto alternano le fasi di gioco sono realizzati con uno stile piacevole e non troppo elaborato, senza pretese. Il dipanarsi dei dungeon poi mette in mostra dei colori sgargianti, in un mondo che proprio per la sua attitudine “cartoonesca” non richiede grandi sforzi a livello puramente visivo.

Un buon titolo, con qualche punta di monotonia

Soundfall fa il suo lavoro, e per il prezzo a cui è proposto lo fa pure bene. Il gioco è ottimo per gli appassionati del genere, in quanto è sfidante e presenta una soundtrack di tutto rispetto per un gioco indie. Il titolo è gradevole e interessante, anche se la monotonia rischia un po’ di rovinare l’esperienza. L’ottima idea della componente RPG infatti poteva essere sviluppata meglio, abbozzata con un po’ più di varietà. Allo stesso modo la mancanza di boss a fine dungeon si fa sentire, così come la poca varietà di nemici.

Tutto ciò non inficia il buon impianto di base di Soundfall, che in quanto rhythm game porta a casa abbondantemente la sufficienza e merita una prova. Ricordiamo che il titolo è disponibile per Nintendo Switch al prezzo interessante di 29,99 euro.

Voto: 7

Pro
Impianto rhythm solido
Rappresenta una bella sfida a livelli più alti
Comparto sonoro di qualità
Contro
La monotonia è un fattore importante
Poca profondità di trama

Cosa ne pensi? Facci sapere la tua sulla nostra chat Telegram, sul Forum o sui canali Social!

Fonte #
Indie Nintendo Switch rhythm game

Promozioni

Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..

🕘  Notizie recenti

💬  Ultimi commenti su questa notizia