...
Annullata una causa da 10 milioni di dollari contro i brevetti dei Wii Remote

Annullata una causa da 10 milioni di dollari contro i brevetti dei Wii Remote

Metti mi piace!
2 2

iLife Technologies Inc contro Nintendo è una battaglia che prosegue da anni per la violazione di alcuni brevetti relativi ai Wii Remote, che è finalmente giunta al termine, con una sentenza che verte a favore dell’azienda di videogiochi giapponese.

Dopo anni di aspre battaglie legali che hanno visto Nintendo condannata a risarcire iLife Technologies Inc con 10 milioni di dollari, finalmente il tribunale federale di Dallas solleva l’azienda nipponica dal pagamento della salatissima multa, scagionandola dall’accusa.

Wii Remote
Wii Remote

Il motivo del cambio di idea sulla sentenza è stato giustificato dal tribunale come “un impercettibile tentativo di coprire l’ampio concetto di utilizzo dei sensori di movimento per rilevare il movimento” da parte della iLife, ritenendo il brevetto da loro rivendicato troppo generico e non abbastanza dettagliato per ritenere i sensori di movimento dei Wii Remote un plagio di questa tecnologia.

La battaglia tra le due aziende prosegue dal 2013, quando Nintendo venne accusata di aver violato con i famosi controller di Nintendo Wii, un brevetto dell’azienda americana che era volto al monitoraggio dello stato di salute di bambini ed anziani, registrandone eventuali cadute. Il colosso giapponese, però, ha sempre dichiarato la sua innocenza, ritenendo il brevetto oggetto del contenzioso non valido, poiché il sensore di movimento era appena citato e nessuna caratteristica tecnica o tecnologica era stata specificata. Nel 2017 è stata però condannata per due volte al pagamento di 10 milioni di dollari.

Wii

Dopo l’ultima sentenza che riconosce l’innocenza di Nintendo, il portavoce Ajay Singh di Nintendo of America esprime la sua soddisfazione:

Nintendo ha una lunga storia nello sviluppo di prodotti unici e innovativi, siamo quindi lieti di apprendere che dopo anni di dibattimento processuale, il tribunale ci abbia dato ragione. Continueremo a difendere con vigore i nostri prodotti contro compagnie che cercano di ottenere profitto da tecnologie che non hanno inventato.

Che sia davvero la fine di sette lunghi anni di cause e dibattiti?

Offerte Instant Gaming
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Articolo di Michele Ferracci
...

x un pelo

Tocca per altri articoli