Analizziamo le novità di Detective Pikachu: ecco cosa potreste non aver notato!

Pokémon a profusione!

0
2559

Martedì 26 febbraio è stato rilasciato un trailer nuovo di zecca sul lungometraggio Pokémon: Detective Pikachu, che approderà nelle sale cinematografiche italiane il prossimo 9 maggio. Oltre al video fresco fresco, è stato pubblicato sul web un nuovo poster del film, che nasconde tante piccole perle, pronte per essere trovate dai fan!

Sicuramente a uno sguardo poco accurato molte cose non saltano subito all’occhio, ma l’immagine è ricolma di piccoli Pokémon e chicche che gli amanti delle creature tascabili ameranno e troveranno divertenti. Diamo uno sguardo al poster appena pubblicato:

Non sembra esserci nulla di strano, vero? L’attenzione viene subito calamitata da Tim e Pikachu, i due protagonisti, che si trovano sul tetto di un palazzo nella metropoli di Ryme che fa da cornice al lungometraggio. Ora armatevi di zoom, perché l’aiuto di questo strumento sarà fondamentale per la nostra analisi!

Guardando il tetto, è possibile vedere un piccolo Joltik che si arrampica sul bordo, mentre 3 Emolga formano un gruppetto sulla sinistra, affacciati al cornicione. Proprio sotto di loro, Psyduck allarga le tapparelle per sbirciare fuori da una finestra, gli occhi che vagano in direzioni differenti. Bulbasaur e Jigglypuff sono ben visibili sullo stesso piano del papero con lo sguardo da pazzo. Alquanto inquietanti sono, invece, i due Aipom che si arrampicano sulla scritta Pokémon: Detective Pikachu (che nel poster ha le sembianze di un’enorme insegna luminosa al neon), con un sorriso furbetto sul muso. E lo avete notato il Mr. Mime che si affaccia da una torretta dietro il tetto? Seguendo una linea verticale immaginaria che parte dal Pokémon Barriera e arriva all’estremità superiore del poster, ci si imbatte in un’insegna blu formata da quelli che somigliano a caratteri giapponesi. Guardando con più attenzione, tuttavia, si può notare che le 3 lettere formano la parola OAK.

Spostiamoci sul lato opposto del poster. In alto a sinistra, poco più in basso della gru che si intravede sullo sfondo, è possibile notare una sagoma riconducibile a quella di Mewtwo. Non è altro che un’ombra nella notte, ma è presente in tutta la sua gloriosa magnificenza. Questo è in assoluto il particolare più difficile da notare. Le teorie che vedevano il Pokémon Genetico come antagonista del film, così come lo è nel videogioco, sembrano trovare un fondamento nella conferma definitiva della sua presenza. Charizard che vola nel cielo è facilmente rintracciabile, invece, per via della sua coda infuocata. Sulla scritta luminosa POOL, in basso a sinistra, si sta arrampicando un Treecko, mentre uno Squirtle zampetta su un balcone poco più in basso, nello stesso palazzo. Sarà lo stesso Pokémon che si trova nei manifesti appesi per la città, sotto alla scritta Scomparso? Ancora più in basso si trova l’insegna Loudred Records, una casa discografica ispirata al Pokémon Vocione, un vero e proprio colpo di genio! Quale mostriciattolo avrebbe potuto rappresentare meglio il concetto di musica? Molto meno evidente è, invece, l’insegna Fresh Coffee a forma di Noctowl, che brilla nella notte rossa e azzurra.

Puntate ora gli occhi sulla strada, molto più in basso rispetto ai palazzi. Lo avete notato lo Snorlax che, comodamente adagiato sull’asfalto, blocca la strada alle macchine? Più si osserva il poster con lo zoom e maggiore diventa la quantità di particolari che saltano all’occhio.

Questa ricchissima immagine pubblicitaria non è, tuttavia, l’unica novità che ha interessato Detective Pikachu il 26 febbraio. Pochi minuti dopo la pubblicazione del poster, infatti, è stato rilasciato un trailer fresco fresco, di più di 2 minuti:

Nel video compaiono moltissime scene mai mostrate prima, che catturano l’interesse e accendono la curiosità. Come non pensare a Ludicolo, bizzarro barista pronto a soddisfare la richiesta di caffé doppio “nero come la notte” di Pikachu? Si vedono per la prima volta anche Cubone, Golurk e Growlithe che affiancano gli agenti di polizia, Aipom (insolitamente aggressivo), Machamp che dirige il traffico avvalendosi delle sue quattro mani mentre Snorlax ronfa beato lì accanto, la casa di produzione discografica Loudred Records già visibile nel poster, e Mewtwo. Inoltre, nella scena in cui compare Flareon è possibile vedere Dialga e Palkia sullo sfondo.

Rimanendo in tema, in uno dei fotogrammi del trailer in cui compaiono Tim e Pikachu, sono visibili su una scrivania l’Adamasfera, la Splendisfera e la Grigiosfera. La regione di Sinnoh ha una presenza piuttosto forte in questo film: indizio o semplice coincidenza?

Non mancano i vecchi amici, come Greninja, il temibile Charizard, Bulbasaur, Lickitung e Granbull. La scena conclusiva è una vera chicca: sembra infatti che Mr. Mime prenda molto sul serio il suo mestiere di mimo!

Sono davvero tantissime le sorprese che ha in serbo questo primo lungometraggio live-action dedicato al mondo dei Pokémon e, dalle informazioni diffuse il 26 febbraio, si può capire come ci troviamo davanti a un film del tutto fuori dagli schemi, qualcosa di fresco e nuovo.

 

E voi, non siete ansiosi di vedere Detective Pikachu al cinema? Avete trovato altri particolari nel poster e nel trailer?

Questo articolo è stato scritto con la collaborazione di Francesco Giallatini.

Commenti dal forum

Discutine sul forum