...
Simone Lim, campionessa Junior a Melbourne, viene celebrata dai fan e da The Pokémon Company

Simone Lim, campionessa Junior a Melbourne, viene celebrata dai fan e da The Pokémon Company

Metti mi piace!
9 8

Grande festa per noi fan italiani nella notte tra il 22 e il 23 febbraio dopo il trionfo di Marco Silva nella finale dei Campionati Internazionali Oceaniani di Pokémon 2020 a Melbourne, ma durante la diretta della manifestazione sportiva c’è stata anche un’altra protagonista della manifestazione: Simone Lim, campionessa nella categoria Junior.

La piccola giocatrice del Singapore ha sfidato in finale Justin Miranda-Radbord in un match pieno di sorprese e letture di gioco intelligenti da parte di entrambi i giocatori. Con un risultato di 2 a 1, Simone si è guadagnata il titolo di Campionessa Internazionale di Oceania nella categoria Junior.

Simone Lim vince la finale dei Campionati Internazionali Oceaniani di Pokémon 2020 in categoria Junior

Il punto di svolta dell’intera partita è arrivato quando Simone, in visibile svantaggio nel terzo round dato che le era rimasto solo Tyranitar in campo, ha capito che il suo avversario avrebbe protetto il suo asso da 90, Rhyperhior, così ha diretto il suo Sgranocchio sul compagno Dusclops, mandandolo subito KO. Nell’1 vs 1 contro Rhyperior, Tyranitar era la creatura più veloce, e si è liberato agilmente dell’avversario con Troppoforte. In basso è presente il video della situazione appena descritta, pubblicato proprio da Play Pokémon.

L’intervista post-partita è stata probabilmente l’apice della nottata, dopo la vittoria di Marco Silva nelle ore successive: la piccola campionessa si è presentata davanti ai microfoni abbracciata a un peluche di Eevee grande quanto lei, parlando da vera giocatrice professionista con risposte brevi e schiette, ma con la sua vocina tenerissima da bambina di neanche 10 anni.

L’intervistatore le ha chiesto cos’è che le avesse fatto pensare di dover usare Sgranocchio su Dusclops, e Simone ha risposto in maniera semplice, cinica ed esaustiva: “Sapevo avrebbe protetto quel Rhyperior“. Durante l’intera intervista il pubblico in sala ha reagito più volte con cori di “aww”, risate e applausi di ammirazione, ma anche su Twitter si sono scatenate le reazioni dei fan. Di seguito, ne riportiamo alcune:

Pensate che, a parte un post dedicato a tutte le premiazioni, l’unico tweet fatto dal profilo ufficiale di The Pokémon Company riguardo le finali del VGC è stato proprio per celebrare la vittoria di Simone Lim.

La GIF animata riprende l’esatto momento della vittoria, quando gli amici di Simone sono corsi ad abbracciarla mentre lei sorrideva soddisfatta. È comprensibile che The Pokémon Company abbia voluto pubblicare sui suoi social proprio questo segmento della live: un momento di gioia per dei bambini, con gesti d’amicizia in primo piano dopo una competizione sana e divertente dove i protagonisti sono stati proprio i mostriciattoli tascabili.

Simone Lim con il suo peluche di Eevee agli Internazionali di Melbourne 2020

Sono ormai vent’anni che Game Freak e The Pokémon Company crescono generazioni su generazioni in tutto il mondo con valori del genere attraverso le proprie creature. Tralasciando problemi e critiche ai giochi o al marketing, finché ci sarà una Simone Lim felice di crescere con i Pokémon il brand continuerà a muoversi verso una strada giusta.

Vi è piaciuta la gara di Simone Lim agli Internazionali di Melbourne?

Cosa ne pensi? Facci sapere la tua sulla nostra chat Telegram, sul Forum o sui canali Social!
Offerte Instant Gaming
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Articolo di Alessandro Colantonio
...

Chiss perchè rhyperior ha usato protezione, poteva benissimo minacciare tyranitar. Un pò di fortuna serve sempre, complimenti a Simone che per abilità o fortuna ha predetto protezione.

...

Rhyperior sarebbe morto e non penso che Dusclops avrebbe potuto buttare giù Tyranitar in un colpo. Avrebbe perso prima Rhyperior e poi Dusclops.

Proteggendo avrebbe messo Trickroom con Dusclops per poi finire il lavoro con un Rhyperior più veloce.

 

Ma lei ha visto questo, quindi ha dovuto bloccare la TR.

 

Spero prima, ma credo che fra 8 anni avremo finalmente una campionessa in Master!

...

non si chiama Simona?!

Tocca per altri articoli