...

I Mii

I Mii

I Mii sono avatar personalizzabili creati dall’utente e pensati per essere un’estensione del giocatore. È possibile utilizzarli come personaggi in vari titoli Nintendo.

La creazione del Mii

I Mii vengono creati nel Canale Mii del Wii, nel Centro di Creazione Mii del Wii U o del Nintendo 3DS, e nel profilo di Nintendo Switch. Possono essere modificati solo dalla console nella quale sono stati realizzati. La creazione del Mii inizia con la scelta del genere per poi alterare la forma della testa, degli occhi, dei capelli, delle sopracciglia, del naso e della bocca. Il creatore può inoltre personalizzare il proprio avatar con tratti distintivi come rughe, barba, nei e occhiali.      mii_01

Sul Nintendo 3DS è possibile scattare una foto con le due fotocamere della console per generare una caricatura più reale del protagonista. Nonostante la combinazione grafica predeterminata, è sempre possibile apportare qualche ritocco al Mii per personalizzarlo. Infine l’utente può dare un nome al proprio Mii, assegnargli un compleanno ed un colore preferito che diventerà la tonalità della maglietta indossata dal nostro alter ego.

La Piazza Mii StreetPass

La Piazza Mii StreetPass è il luogo in cui si radunano tutti i personaggi Mii ricevuti grazie allo scambio di dati tra Nintendo 3DS, dopo aver attivato la connettività della console. Qui si possono scoprire informazioni sui giocatori che si incontrano, come l’ultimo gioco provato o il loro paese di provenienza.

mii_02

La piazza Mii può essere visitata da un massimo di 10 personaggi alla volta che potranno aiutare il giocatore in alcuni titoli preinstallati come Pazzi per i Pezzi (regalandoti tasselli dei puzzle) e Libera Mii (per sconfiggere i nemici).

Miiverse

Miiverse era un servizio online per Wii U e console della famiglia Nintendo 3DS che usava i Mii per connettere i giocatori tra loro. Ha chiuso i battenti l’8 novembre 2017. Oltre alle parole, in Miiverse era possibile condividere molto altro, e utilizzare il touch screen del Wii U GamePad per inviare immagini e messaggi scritti a mano libera. Si aveva l’opportunità di salvare fino a 100 immagini nell’Album, luogo ideale dove conservare tutti i momenti indimenticabili. 

 

mii_04

 

I Mii nei giochi Pokémon

I Mii fanno la loro comparsa anche in due titoli Pokémon.

Pokémon Rumble World

L’esperienza di gioco di Pokémon Rumble World prevede che si possa condividere con altri appassionati il proprio Mii al fine di incontrare quelli degli altri nel gioco, visualizzare i loro progressi ma soprattutto ricevere aiuti durante l’avventura. Se, infatti, il Mii di ciascun giocatore, pur essendo il protagonista, riveste più che altro un ruolo di contorno, quelli degli avventurieri risultano di fondamentale importanza. Per ogni informazione relativa al gioco e come utilizzare il Mii in Pokémon Rumble World è consigliabile visitare la seguente sezione.

My Pokémon Ranch

My Pokémon Ranch è un videogioco per Wii che permette di trasferire dalle cartucce di Pokémon Diamante e Perla 1000 mostriciattoli tascabili in un ranch gestito da Giulia, e di poterci interagire liberamente utilizzando il proprio Mii.mii_05

Giulia spedirà di tanto in tanto una speciale richiesta di cattura per un Pokémon in particolare non ancora trovato nei due giochi principali. Man mano che il giocatore porterà a termine questi compiti scovando nuovi Pokémon Ricercati si avvicinerà sempre più al completamento del Pokédex Nazionale ricevendo in cambio, per ogni richiesta di Giulia soddisfatta, dei Pokémon con MT o Mosse uovo che li rendono unici.

In My Pokémon Ranch il giocatore può guardare i suoi Pokémon danzare, sfilare in una parata o utilizzare il proprio Mii per fare una cavalcata nei dintorni del Ranch. Inizialmente la fattoria sarà di piccole dimensioni ma, con il passare del tempo, il giocatore avrà la possibilità di trasferirvi tanti Pokémon fino a creare Ranch speciali come come il Ranch Piplup o il Ranch Pikachu per poi mostrarlo agli amici.

mii_07

Miitomo

Miitomo è un’app free-to-start per dispositivi smart sviluppata da Nintendo, che consente di comunicare con gli amici tramite un Mii. Dopo aver scelto un avatar che lo rappresenti, il giocatore potrà scegliere un nickname, un modo di parlare e una personalità che lo rispecchi. Lo scopo del gioco è interagire con gli amici ponendo loro domande e rispondendo a quelle che ci vengono poste.

domanda_miitomo miitomo-ita5

Sviluppo della fisionomia dei Mii

I Mii fanno la loro comparsa nel 2006 con l’uscita di Wii Sports per Wii. Vengono ideati per rendere più realistici i giochi, in modo da poter sviluppare un proprio personaggio per farlo interagire nel mondo digitale.

Il Canale Mii del Wii permetteva di dar vita ai primi Mii combinando diverse caratteristiche del volto per poi poterli sfruttare su titoli come Wii Sports o Mario Kart Wii. I personaggi potevano essere trasportati, dopo averli salvati sul telecomando Wii, per giocarvi su altre console con gli amici o caricarne i dati sul Nintendo DS. Con l’avvento del Nintendo 3DS e del Wii U, i Mii hanno guadagnato sempre più importanza fino ad avere interi giochi dedicati a loro come Tomodachi Life.

mii_09

 

I Mii non mantengono la stessa fisionomia in tutti i titoli in cui compaiono. La testa  rimane sempre la stessa ma il corpo varia a seconda dei giochi. Per esempio, in Wii Sports, il corpo dei Mii è stilizzato, con mani sferiche e senza braccia.

In Wii Fit il corpo è disegnato in maniera più naturale, e il suo peso sarà rilevato dal gioco. In MLB Power Pros, i Mii sono disegnati con le braccia ma senza gambe. In Dance Dance Revolution Hottest Party 2, sono raffigurati in maniera più simile al corpo umano. In Tomodachi Life e in Miitomo, invece, acquistano un livello di dettaglio maggiore grazie all’aggiunta di numerosi vestiti e accessori utilizzabili, che rendono il Mii molto più realistico.

mii_10
I Mii stilizzati in Wii Sports.
miitomo slippet
I Mii con dettagli rinnovati in Miitomo.

I Mii indossano vestiti in base al contesto del titolo. Possono indossare tute o camici da medici a seconda dell’attività che andranno a svolgere. In altri casi sarà il giocatore stesso a potergli cambiare abito secondo le sue preferenze.