Dal tetto di Villazzurra a mascotte Pokémon: storia di un’Eeveeluzione

Ripercorri la storia di uno dei Pokémon più amati di sempre!

2811

Il mondo Pokémon è estremamente complesso e frastagliato, ricchissimo di misteri non ancora svelati o scoperti. L’evoluzione è uno dei più grandi punti interrogativi che circondano le creature tascabili. La capacità di mutare aspetto, forza e, talvolta, tipo posseduta da alcuni Pokémon è oggetto di studio per moltissimi ricercatori e professori.

L’evoluzione dei Pokémon rimane tutt’oggi un mistero.

Il modo più classico tramite il quale può avvenire un’evoluzione è l’acquisizione di esperienza, maturata vincendo battaglie su battaglie. Tuttavia, molte creature tascabili si evolvono soltanto se esposte a uno strumento evolutivo, oppure in un determinato momento della giornata. Ci sono Pokémon che si evolvono quando il livello di amicizia maturato con il proprio Allenatore è piuttosto alto, altri invece hanno bisogno di apprendere determinate mosse o trovarsi in luoghi specifici affinché si inneschi il meccanismo.

Benché non si sia ancora venuti a capo del grande mistero rappresentato dall’evoluzione, e non si abbiano risposte che possano spiegare i perché nascosti dietro questa affascinante meccanica, alcuni mostriciattoli sono finiti sotto i riflettori per la loro capacità di evolversi fuori dall’ordinario. Il Pokémon che più di ogni altro rappresenta l’evoluzione è, senza ombra di dubbio, Eevee.

A passeggio tra i videogiochi della serie principale

Non esiste nessun altro Pokémon, in nessuna regione conosciuta del mondo, che si evolva come la piccola volpe originaria di Kanto. La particolarità di Eevee è data dalle sue molte evoluzioni, che cambiano a seconda del metodo utilizzato. Gli Allenatori hanno una particolare predilezione per questo mostriciattolo e, spesso e volentieri, compiono salti mortali per impossessarsi di un esemplare, da far evolvere secondo i propri gusti o le proprie necessità.

La storia di Eevee inizia sul tetto di un condominio di Azzurropoli, chiamato Villazzurra. Lassù, in uno stanzino isolato, si cela una Poké Ball al cui interno è custodito un piccolo Pokémon Evoluzione. Si tratta del primo Eevee che può essere trovato e addestrato da un Allenatore nei titoli principali.

Un importante studioso di Kanto di nome Bill, creatore del Sistema Memoria Pokémon originale e inventore della Tempocapsula, predilige Eevee e le sue evoluzioni a qualsiasi altra creatura tascabile. Il bizzarro metodo evolutivo della piccola volpe è rimasto al centro dei suoi studi per molti anni ed è proprio lui a consegnarne un esemplare a tutti gli Allenatori che intraprendono la propria avventura nella regione di Johto. È in questa regione che una delle evoluzioni di Eevee, Umbreon, inaugura con successo il tipo Buio, introdotto nella seconda generazione poiché inesistente a Kanto. Umbreon e la sua controparte diurna, Espeon, introducono anche un nuovo metodo evolutivo: l’evoluzione per amicizia.

Eevee rimane un Pokémon estremamente raro in qualsiasi regione. A Hoenn, per esempio, non è possibile ottenerne neanche un esemplare senza scambio. A Sinnoh, invece, occorre sconfiggere la Lega Pokémon oppure arrivare a Cuoripoli, prima di avere il privilegio di possederne uno. Se vi trovate in questa regione e vi capitasse di trovarvi a passeggiare nel Bosco Evopoli, nei pressi di una roccia muschiosa, il piccolo Pokémon volpe potrebbe trasformarsi in Leafeon, la bellissima Eeveeluzione di tipo erba. Se, invece, preferite il fascino invernale del Percorso 217, la roccia gelata lì presente vi porterebbe in squadra un elegantissimo Glaceon.

I primi Eevee selvatici possono essere incontrati molti anni dopo l’uscita dei titoli per Game Boy. Se ne può trovare, con estrema difficoltà, qualche esemplare in un piccolo giardino raggiungibile dalle fognature poste sotto la città di Austropoli, nella regione di Unima. È nella regione di Kalos che un’altra evoluzione della piccola volpe inaugura il tipo Folletto, presente soltanto nella sesta e settima generazione. Sylveon è, infatti, il primo Pokémon di questo tipo a venire annunciato, prima che venisse rivelata l’introduzione del tipo Folletto stesso.

Il lancio nella serie animata

Sono necessari 39 episodi prima che Eevee compaia per la prima volta nella prima stagione della serie animata. L’episodio L’importante non è vincere ha come tematica principale proprio l’evoluzione della piccola volpe. Trattandosi di una puntata andata in onda nel 1998 in Giappone e nel 2000 in Italia, le uniche evoluzioni esistenti sono Vaporeon, Jolteon e Flareon, già sufficienti per far capire la particolarità di Eevee e la sua differenza rispetto agli altri Pokémon. Nell’episodio 40 Ash, Misty, Brock e Pikachu si imbattono in un Eevee legato a un albero, che scoprono appartenere a un bambino di nome Mikey. I tre fratelli del piccolo vogliono costringerlo a utilizzare una pietra sul suo Pokémon per trasformarlo in una delle sue tre evoluzioni, ognuno parteggiando per la propria preferita, ma la scelta di Mikey sarà quella di crescere e allevare Eevee senza sottoporlo ad alcuna evoluzione.

Una curiosità interessante legata a questo episodio riguarda Pokémon GO, nota applicazione di Niantic che ha scalato le vette del successo molto rapidamente. Tutti gli Eevee che si trovano nel gioco possono evolversi con 25 caramelle Eevee e l’evoluzione in Jolteon, Flareon o Vaporeon sarà casuale. Tuttavia, per una sola volta, è possibile pilotare l’evoluzione dando soprannomi specifici alla piccola volte. Soprannominando il Pokémon Rainer esso si evolverà in Vaporeon, con Sparky si otterrà un Jolteon e con Pyro un Flareon. La curiosità riguarda proprio i tre nomi, che sono gli stessi dati dai tre fratelli di Mikey ai propri Pokémon nell’episodio 40. I soprannomi da assegnare a Eevee per ottenere Espeon e Umbreon, invece, sono stati donati dalle bellissime Kimono Girl e sono Sakura (per Espeon) e Tamao (Umbreon).

Nella serie animata, un altro Eevee presente di frequente è quello posseduto da Gary, rivale storico di Ash, che si evolve in un magnifico Umbreon. Anche Vera e Serena, protagoniste durante le avventure a Hoenn e Kalos, hanno come compagna la piccola volte. La prima sceglierà come evoluzione Glaceon, mentre la seconda si troverà davanti a una sorprendente evoluzione in Sylveon.

Come nasce una star

L’enorme successo di Eevee tra i giocatori e i fan del mondo Pokémon, che è rimasto intatto nel corso degli anni, ha spinto The Pokémon Company a compiere un’inaspettata decisione: trasformare il Pokémon Evoluzione nella nuova mascotte dell’intero brand, sostituendo Pikachu. La scelta, che ha assunto il nome Project Eevee, è stata accolta con estremo entusiasmo dal pubblico, curioso di vedere Eevee camminare per le strade durante gli eventi più importanti, soprattutto in Giappone.

Il morbido pelo intorno al collo di Eevee è perfetto per essere accuratamente spazzolato!

Benché Pikachu, mascotte originaria e Pokémon più iconico del brand, sia rimasto al centro della scena per oltre 20 anni, il Pokémon Evoluzione si sta dimostrando perfetto nel suo nuovo ruolo.

Uno sguardo accurato alla nuova mascotte di The Pokémon Company è fornito dal profilo ufficiale Twitter di Project Eevee, che mostra video e foto divertenti e dolcissimi per chi desidera entrare in contatto con il nuovo simbolo del brand. Recentemente è stato lanciato, su questo stesso profilo Twitter, un contest per vincere un appuntamento galante con Eevee! Tra tutti i partecipanti sono stati estratti 50 vincitori, che hanno avuto la fortuna di ricevere in regalo un cuscino a forma di coda del Pokémon Evoluzione. Tra di essi è stato, infine, sorteggiato un nome particolarmente fortunato, che ha avuto la possibilità di vedersi recapitare il cuscino direttamente a casa dalla nuova mascotte, alla quale ha anche potuto chiedere un appuntamento a lume di candela!

L’esito dell’appuntamento è ignoto, ma il dolce musetto di Eevee continuerà a far sorridere tutti i fan del mondo Pokémon che parteciperanno agli eventi ufficiali giapponesi. Si spera di poter vedere la tenera mascotte anche in Italia, un giorno, in modo che tutti possano armarsi di spazzola e pettinare il folto pelo intorno al suo collo!

Nei Pokémon Center giapponesi sono molto popolari articoli e gadget che rappresentano Eevee e le sue evoluzioni. Peluche, ciondoli, statuine, vestiti e intere linee a tema vengono spesso dedicati all’amatissima volpe e riscuotono un grande successo. Il futuro del piccolo Eevee è roseo e promettente. Potrebbero persino venire donate al Pokémon Evoluzione nuove forme evolutive, forse ottenibili con metodi mai visti prima. Una cosa è certa: Eevee rimane tuttora uno dei Pokémon più amati dell’intero Pokédex, e non sarà affatto facile spodestarlo dal trono che ha conquistato nel corso degli anni con la sua particolarità e la sua estrema dolcezza. Non resta che godersi la nuova mascotte e attendere nuove eventuali evoluzioni.

Nasce nel 1990. Conosce il mondo dei Pokémon grazie al settimanale Topolino, che dedica alle creature tascabili cinque pagine di presentazione in occasione della trasmissione della serie animata su Italia 1, nel 1999. Approda su Pokémon Millennium a settembre 2016, diventando moderatrice del gruppo Facebook, collaboratrice del forum e redattrice. Il suo primo gioco della serie principale, che custodisce gelosamente ancora in perfette condizioni, è Pokémon Giallo.

Commenti dal forum

Discutine sul forum