1. Pokémon Millennium  / 
  2. Notizie / 
  3. Recensioni

Valkyrie Elysium, Recensione: il ritorno delle Valchirie di Square Enix

Valkyrie Elysium ci riporta nel mondo delle leggende norrene secondo Square Enix, in un nuovo capitolo votato all’azione.

di 
   · 5 min lettura Recensioni
Metti mi piace!
0

Valkyrie Elysium, il nuovo action-rpg edito da Square Enix e sviluppato da Soleil Inc., già dal suo titolo ci pone di fronte all’unione di concetti apparentemente antitetici. L’Elisio che, nella mitologia greca rappresenta una sorta di paradiso, poco avrebbe a che fare con i miti e le leggende norrene, sulle quali la serie si basa con grosse libertà narrative e stilistiche.

Allo stesso modo, Valkyrie Elysium abbandona del tutto le origini di JRPG a turni dei precedenti capitoli, in favore di un sistema di combattimento action. Può quindi un gioco apparentemente così distante dai suoi predecessori, riportare in vita una serie rimasta dormiente per quasi 15 anni? Il gioco non è attualmente presente su Nintendo Switch e la versione per PlayStation 5, qui recensita, ci è stata gentilmente fornita da Square Enix per aver preso parte agli Square Enix Plays 2022 di Londra.

Il Ragnarok e la guerra per le anime

Dopo una lotta durata secoli, lo scontro tra Odino e la demoniaca Lupa Fenrir giunge finalmente a conclusione quando il Dio riesce a trafiggere la bestia, rimanendo però ferito mortalmente dal morso della propria avversaria. Eppure il Dio sopravvive e, per porre rimedio alle tragiche conseguenze del conflitto, dà vita alla Valchiria, una divinità minore il cui compito è quello di condurre i defunti verso il Valhalla. La Valchiria dovrà perciò recarsi a Midgard, il reame degli uomini, per purificare quante più anime possibile dalla corruzione generata da Fenrir ed evitare l’arrivo del Ragnarok, la fine del mondo prevista dalle leggende norrene. Se le premesse narrative possono risultare accattivanti, è però l’esecuzione a risultare eccessivamente superficiale.

Valkyrie Elysium

Per gran parte del gioco, verremo traghettati da una parte all’altra di Midgard, affrontando orde di non-morti e altre mostruosità, con poche spiegazioni o approfondimenti di trama, oltre ai criptici ordini di Odino. Fortunatamente la parte finale dell’avventura offre qualche sorpresa degna di nota, ma il ritmo claudicante della narrazione rischia di non catturare l’attenzione di chi era abituato alle trame e ai dialoghi ben più strutturati dei precedenti giochi. A ciò si aggiungono una direzione dei filmati piuttosto statica, appesantita da un riutilizzo massiccio delle animazioni e un lip-sinc totalmente fuori sincrono, nonostante i seppur ottimi doppiaggi in inglese e giapponese. 

La potenza della Valchiria

In Valkyrie Elysium, controlleremo la Valchiria nelle varie missioni affidate da Odino, che ci porteranno a esplorare diverse parti di Midgard e non solo. Il tutto con un sistema di combattimento frenetico e coreografico, fatto di veloci combo con molteplici armi, che si intervallano all’utilizzo di magie e incantesimi. La velocità di gioco risulta ulteriormente amplificata dalla Corda dell’Anima, un vero e proprio rampino che ci consentirà di raggiungere luoghi sopraelevati, oltre che di agganciarci ai nemici per sfrecciare letteralmente da un lato all’altro del campo di battaglia.

Valkyrie Elysium

Ma la vera particolarità del combat system sta nell’utilizzo degli Einherjar, potenti guerrieri defunti, ma ancora legati al nostro mondo. Fino a quattro Einherjar possono essere evocati in ogni momento e, oltre a contribuire alle battaglie con diverse abilità speciali, ognuno di loro sarà associato a un elemento differente, conferendolo all’arma della nostra Valchiria. Questa strategia sarà fondamentale per sfruttare le debolezze dei nemici, indicate da un’icona accanto alle loro barre degli HP, in modo da ridurli a uno stato di indebolimento elementale, dove non saranno in grado di muoversi, subendo ingentissimi danni.

VELYSIUM

Di buon livello anche il sistema di progressione della Valchiria, delle sue armi e degli Einherjar che, pur non essendo eccessivamente complesso, riesce totalmente nell’obiettivo fondamentale dei giochi character-action, ossia farci sentire potenti e implacabili anche contro schiere di nemici sempre più agguerrite. Purtroppo la varietà di nemici e situazioni lascia parecchio a desiderare, con semplici variazioni di incontri a volte ripetuti in maniera eccessiva. In tal senso, il divertente combat system, oltre che la contenuta durata dell’avventura che si attesta intorno alle dodici ore, contribuiscono a mitigare l’eventuale monotonia.

VELYSIUM

L’arte degna del Valhalla

La freschezza del gameplay non corrisponde, purtroppo, a un altrettanto ricercato stile grafico. Valkyrie Elysium adotta una grafica 3D semi-realistica, con una caratterizzazione cromatica molto desaturata, volta a sottolineare il senso di abbandono e decadimento del mondo di gioco. Tuttavia, mentre in passato l’effetto visivo finale riusciva a donare una certa caratterizzazione, qui il tutto appare competente, ma senza particolari guizzi o originalità. A ciò si aggiunge la scelta di conferire a personaggi e nemici dei marcati contorni neri, tipici solitamente del cel-shading, ma che in questo caso risultano assolutamente fuori contesto e fastidiosi da vedere.

Valkyrie Elysium

È un peccato, perciò, che il meraviglioso character design di Yuya Nagai, non trovi giustizia nello stile grafico adottato. Discorso differente per le musiche composte da Motoi Sakuraba, perfette per il tono del gioco e che sapientemente variano dal malinconico all’onirico, fino alle emozionanti tracce degli scontri con i Boss. A livello tecnico, siamo di fronte a un titolo solido che, nella versione PlayStation 5 mantiene una risoluzione 4K e quasi costantemente i 60 fps, seppur con rarissimi cali nelle situazioni più concitate.

Una nuova vita per Midgard

Valkyrie Elysium vive di antitesi. Una serie considerata dimenticata, riesumata in un genere completamente diverso, con un combat system spettacolare e immediato, inserito in un’avventura dalla narrazione che fatica a trovare un buon ritmo e dalle scelte stilistiche non sempre convincenti. Fortunatamente, la bontà del gameplay pone le basi per una futura seconda giovinezza per questa amatissima serie. Valkyrie Elysium è attualmente disponibile per PS4 e PS5 al costo di 69,90 €, mentre la versione Steam arriverà l’11 novembre.

Voto: 7

Pro
Sistema di combattimento veloce, frenetico e spettacolare
L’uso degli Einherjar aggiunge spessore agli scontri
Meravigliosa colonna sonora di Motoi Sakuraba
Contro
La trama fatica a decollare
Lo stile grafico non rispecchia l’ottima direzione artistica
Poca varietà nelle missioni

Cosa ne pensi? Facci sapere la tua sulla nostra chat Telegram, sul Forum o sui canali Social!

JRPG PlayStation Square Enix

Promozioni

Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..

🕘  Notizie recenti

💬  Ultimi commenti su questa notizia