1. Pokémon Millennium  / 
  2. Notizie / 
  3. Recensioni

South of the Circle, Recensione: un’avventura in Antartide tra Guerra Fredda e climatologia

In South of the Circle impersoneremo Peter – un giovane ricercatore britannico – alle prese con la sua ricerca in ambito climatologico.

di 
   · 4 min lettura Recensioni
Metti mi piace!
1

South of the Circle è il nuovo titolo prodotto da State of Play e pubblicato dall’editore 11BitStudios – candidato al migliori gioco su mobile ai DICE Awards del 2021 – all’interno del quale impersoneremo uno studioso inglese alle prese con la sua ricerca accademica in climatologia con cui, di fatto, poter rivoluzionare lo studio del clima e soprattutto il suo cambiamento. Pertanto in questa nuova avventura grafica dovremo vivere in prima persona le varie fasi della vita del protagonista, che lo hanno man mano portato a sviluppare i suoi studi e allo stesso tempo comprendendo anche le particolarità più intime della sua vita privata, effettuando anche delle scelte che influenzeranno l’evolversi della trama.

Gli anni Sessanta e la Guerra Fredda

In South of the Circle il protagonista della storia narrata si chiama Peter e svolge il ruolo di insegnate e di ricercatore in climatologia presso l’Università di Cambridge. Durante un viaggio di ritorno in treno, all’interno di una cabina, egli fa la conoscenza di una giovane donna chiamata Clara, intenta a correggere alcuni dei compiti scritti dai suoi alunni. I due iniziano vicendevolmente a chiacchierare, avendo così la possibilità di potersi conoscersi meglio l’un l’altro. Dopo essersi salutati una volta scesi dal treno, Peter e Clara si incontreranno di nuovo all’interno dell’Università di Cambridge: nello specifico dopo una lezione tenuta proprio dal protagonista. Da qui in poi tra i due si inizierà a sviluppare molto di più di una semplice amicizia, in quanto si assisterà alla nascita di un rapporto estremamente intimo fatto di speranze, debolezze e gioie.

Con lo sviluppo della sua ricerca, Peter attirerà su di sé parecchie attenzioni tra cui abbiamo quelle del governo britannico che deciderà di finanziarlo permettendogli di svolgere il suo lavoro direttamente in Antartide. Qui vi si recherà con un lungo viaggio in aereo, che per poco non si concluderà in tragedia: infatti il velivolo si schianterà al suolo, lasciando incolumi Peter e il pilota. Pertanto sarà nostro il compito di trovare aiuto nelle varie basi presenti all’interno dell’area.

Senza ombra di dubbio la trama è il punto di forza più importante di questo titolo, in quanto sarà con essa che il giocatore rimarrà attaccato allo schermo, aspetto coadiuvato anche dalle scelte che si potranno fare. Infatti, potremo decidere in che modo anteporci con le varie persone e situazioni che incontreremo, riuscendo così a ottenere risposte e risultati differenti facendo sì che la storia si evolva in maniere completamente diversa. Allo stesso tempo verranno anche trattate tematiche molto importanti e soprattutto vicine ai giorni nostri, come il sessismo nei confronti delle donne in ambito accademico, il pacifismo e la contrarietà alla guerra.

Un sistema di gioco ridotto all’osso

Trattandosi di un’avventura grafica, il gameplay di South of the Circle non è assai complesso e articolato. L’elemento più caratterizzante sono le diverse scelte di dialogo effettuabili, le quali rispecchiano determinate tipologie di emozioni: potremo fare uso di risposte sensibili e pacate, istintive e dirette, esprimenti gioia oppure aventi una certa vis comica con cui sdrammatizzare. Tutte queste causeranno diverse reazioni da parte dei vari personaggi presenti, permettendoci di comprendere il loro carattere e atteggiamenti. Allo stesso tempo – come già accennato prima – queste porteranno a un’evoluzione della trama, in particolare le scelte più importanti verranno identificate da una specie di medaglioni bianchi.

Probabilmente il difetto più debilitante di South of the Circle riguarda la longevità, poiché essendo molto breve come titolo non permette di approfondire alcuni elementi interessanti della trama. Probabilmente anche l’interazione con gli oggetti circostanti poteva essere curata meglio, in quanto essenzialmente l’unica cosa che si può fare e guardali e basta (leggendo, se presenti, alcune linee di dialogo). In questo senso sarebbe stato importante introdurre degli enigmi, rendendo così l’interazione con essi più dinamica.

Uno stile grafico e un comparto audio semplice e ben gestito

Complessivamente il comparto artistico risulta essere ben gestito, seppur con qualche piccolo difetto: in ambito grafico sono ravvisabili – a volte – delle compenetrazioni dei modelli dei personaggi con l’ambiente circostante e la scomparsa di pezzi del terreno che lasciano vedere il cosiddetto sotto-mondo. Infine vi sono anche delle difficoltà nel caricamento delle texture, ma per fortuna questa problematica è maggiormente visibile in un solo livello.

Passando, poi, al fattore Nintendo Switch, South of the Circle si adatta a tutte le modalità di gioco che la console della grande N ha da offrire: fissa, table-top e portatile. Per quanto riguarda le funzioni integrate, quali touch-screen e giroscopio, a essere utilizzate vi è solo la prima con la quale è possibile governare in certe fasi del videogioco alcuni mezzi.

Conclusioni

Con questo videogioco si ha la possibilità di giocare a un titolo estremamente maturo e intimo, che va a trattare delle tematiche molto importanti per il mondo di oggi. Simultaneamente si avrà anche la possibilità di vivere una storia in periodo molto teso dell’umanità, con la contrapposizione tra il blocco NATO e quello sovietico che per poco non ha portato allo scoppio di un nuovo conflitto mondiale. Se non avete mai giocato ad avventura grafiche in vita vostra, questo titolo potrebbe essere il giusto punto di partenza per questo genere per poi spaziare anche ad altri titoli dell’omonima tipologia. South of the Circle sarà disponibile a partire dal 3 agosto e potrà essere acquistato direttamente dal Nintendo eShop.

Voto: 8.5

Pro
Trama avvincente e matura
Personaggi ben costruiti caratterialmente
Buon comparto grafico e audio
Contro
Longevità un po’ scarna
Interazione con gli oggetti ridotta ai minimi termini
Compenetrazioni fastidiose

Cosa ne pensi? Facci sapere la tua sulla nostra chat Telegram, sul Forum o sui canali Social!

avventura grafica Indie Nintendo Switch

Promozioni

Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..

🕘  Notizie recenti

💬  Ultimi commenti su questa notizia