...
Xenoblade Chronicles Definitive Edition, Recensione: uno straordinario ritorno alle origini

Xenoblade Chronicles Definitive Edition, Recensione: uno straordinario ritorno alle origini

Metti mi piace!
13 1

Era il 10 giugno 2010 quando per la prima volta la storia di Xenoblade Chronicles vide la luce sulle Nintendo Wii di tutti i giapponesi, per poi diffondersi durante i due anni successivi nel resto del mondo e raggiungendo l’Italia il 2 settembre 2011.
Adesso, dopo 10 anni in cui si sono susseguiti una remastered di scarso successo, uno spin-off e un sequel, il 29 maggio 2020 è stato rilasciato Xenoblade Chronicles Definitive Edition, su Nintendo Switch, che regalerà a tutti i giocatori uno straordinario ritorno alle origini.

Monolith Soft, con Xenoblade Chronicles Definitive Edition, ha voluto ancora una volta rendere onore a questo universo, permettendo anche a chi non avesse mai giocato al titolo originale di godersi quest’avventura in una versione decisamente migliorata.
Nuovamente ci si ritroverà al fianco di Shulk e dei suoi amici pronti a salvare la loro popolazione, gli Homs, e a scoprire il vero potere che si cela dietro alla Monade (o Monado), l’arma misteriosa dalle numerose abilità e l’unica in grado di infliggere danni ai Mechan.

Prima di addentrarsi nella recensione di questo titolo, bisogna però fare un passo indietro presentando a grandi linee la trama principale.

Xenoblade Chronicles Definitive Edition

“Poi apparvero due gigantesche divinità, Bionis e Mechanis…”

Miliardi di anni fa, in un vastissimo luogo inabitato, la calma che vi regnava venne bruscamente interrotta da uno scontro tra due creature gigantesche, che a oggi si conoscono come Bionis e Mechanis.
Fu uno scontro intenso che lasciò privi di vita entrambi i giganti, che caddero lungo la grande distesa d’acqua sottostante e su cui successivamente si generarono tre tipologie di vita: gli Homs e i Nopon su Bionis e i Mechan su Mechanis, trasformandosi così in due veri e propri mondi.

Se in un primo momento sembrava che la calma iniziale si fosse restaurata, in realtà quello scontro fu il primo di numerose battaglie tra Homs e Mechan, fino ad arrivare al momento in cui cominceranno le cronache del diciottenne Shulk e di tutti i suoi compagni d’avventura.

Xenoblade Chronicles Definitive Edition

Un nuovo inizio

A nostro parere, questa nuova versione definitiva riesce perfettamente a soddisfare la curiosità e le aspettative sia di chi si affaccia per la prima volta a questo titolo sia per i fan di lunga data, in quanto non si tratta semplicemente di una traslazione del gioco da una console all’altra, come avvenne nel 2015 su Nintendo 3DS, ma a essere stati ritoccati e migliorati sono stati molti aspetti del gioco.

In primo luogo, ciò che è risaltato immediatamente fin dai primi momenti in cui è stato mostrato il titolo, è il salto di qualità a livello grafico.
In Xenoblade Chronicles Definitive Edition personaggi, strutture e luoghi sono stati rivisti completamente, dai dettagli espressivi e i movimenti dei personaggi e dei nemici alla ricostruzione di paesaggi ed edifici che rendono a dir poco piacevole la visione dei filmati all’interno del gioco, oltre che ad aumentare la voglia di esplorare in lungo e in largo l’enorme mappa di gioco facendosi estasiare dai diversi panorami e dalla diversità biologica di ciascun ambiente.

A un’interfaccia grafica chiara e limpida si aggiunge anche l’ottimo risultato reso dal comparto musicale, realizzato da Yōko Shimomura (noto per essere stato il compositore dietro alla serie Kingodm Hearts) e in collaborazione con Manami Kiyota e il gruppo ACE+.
Questa nuova edizione ripropone le musiche originali, ma in una versione rimasterizzata, tanto da renderle più solenni e avvincenti.

“Se riuscirai a trovare la vera Monade, allora il futuro sarà tuo”

Xenoblade Chronicles Definitive Edition presenta un’esperienza di gioco ricca e variegata, in cui stati d’animo, interesse nella trama e azione diventano un tutt’uno.
In un sistema di combattimento dove strategia e dinamismo diventano le parole chiave per ottenere un brillante successo e portare Shulk, Reyn, Dunban e i loro nuovi amici alla vittoria, il giocatore si ritroverà a dover affrontare nemici gradualmente più forti in cui una decisione sbagliata potrebbe portare a un’inevitabile sconfitta.

Xenoblade Chronicles Definitive Edition

Questo sistema di combattimento consiste nel dover eseguire una serie di attacchi combinati tra quelli di base automatici e mosse speciali scelte dal giocatore, ma in questa nuova edizione di Xenoblade Chronicles è stata introdotta una piccola novità che rende più semplice individuare l’attacco che più conviene.
Adesso le mosse speciali vengono contrassegnate da un piccolo punto esclamativo azzurro nel momento in cui converrà utilizzarle e starà al giocatore riuscire a destreggiarsi con i comandi sulla propria Nintendo Switch, mettendo così alla prova i propri riflessi.
A semplificare ulteriormente l’avventura, con Xenoblade Chronicles Definitive Edition è stata inserita la Modalità Casual, una funzione attivabile e disattivabile in qualsiasi momento che renderà più facile sconfiggere un nemico che risulterebbe troppo forte.

Xenoblade Chronicles Definitive Edition

Inoltre a evidenziare lo spirito di squadra che fin dal titolo del 2011 ha caratterizzato la serie di Xenoblade Chronicles è la presenza della “Barra di Gruppo“, con la quale sarà possibile rianimare un compagno senza vita, avvertirlo dell’attacco imminente di un nemico o causare un danno maggiore tramite “l’Assalto di Gruppo“.
Quest’ultima tecnica non sarà sempre disponibile, in quanto a ricaricarla non è il tempo come per gli altri attacchi, ma la catena di attacchi combinati ed efficaci che andranno a riempire completamente la barra in questione.

Se da un lato questo continuo alternarsi tra tasti direzionali, analogici e pulsanti possa risultare col passare del tempo complicato, dall’altro lato permette di godersi le battaglie fino all’ultimo secondo, scatenando nel giocatore una grande soddisfazione dopo una vittoria o uno stato di ansia causato dal rischio di una sconfitta o dall’essere presi di mira da una creatura di livello superiore al proprio.

Xenoblade Chronicles Definitive Edition

La Monade… la misteriosa lama dalle numerose abilità e dal potere immenso, in grado di essere brandita solo da elementi degni e scelti da essa.
Durante tutto il corso della storia si avrà la possibilità di scoprire e utilizzare tutte le tecniche di questa spada, crescendo così assieme a lei stessa e a Shulk.
La più famosa tra queste, per esempio, è la possibilità di poter avere delle visioni riguardo un futuro prossimo o immediato, le quali oltre a generare curiosità nel giocatore durante i filmati, permetteranno di interagire con esse anche durante la battaglia, nella quale tramite gli espedienti che avremo a disposizione bisognerà cercare di cambiare il futuro evitando così la morte o gravi ferite proprie o di un membro della squadra.

Tutti per uno, uno per tutti!

Tra personaggi primari giocabili e secondari di accompagnamento, la varietà di personaggi all’interno del gioco è, a nostro avviso, la componente migliore di Xenoblade Chronicles, che adesso è avvalorata dal restyling di questa versione definitiva.

In battaglia la squadra è formata da un trio, ma sarà possibile controllare solo 1 personaggio giocabile tra quelli disponibili nel party, mentre gli altri due agiranno in modo autonomo come CPU; eccezion fatta per l’Assalto di Gruppo dove il giocatore potrà scegliere in sequenza quale mosse eseguire di tutti e 3 i personaggi.
Ciascun individuo del team avrà una tipologia specifica, che sottolineerà l’abilità in cui sarà più forte, per esempio ci sarà il curatore, abile anche negli attacchi in lontananza e che grazie all’etere riuscirà a proteggere e risanare il gruppo, oltre a chi sarà più abile nell’attacco frontale e chi prevarrà a livello difensivo.
Conoscere le abilità dei componenti del gruppo e saperlo organizzare al meglio potrà essere decisivo nell’esito di alcune battaglie.

Attraverso i vari mercati e agli scambi presenti nelle tappe principali della mappa sarà possibile equipaggiare i propri personaggi con armi e indumenti di vario tipo e personalizzarne anche l’aspetto tra una vasta varietà di stili disponibili.

Un altro elemento ereditato dalla versione del 2011 è il Diagramma d’Intesa, uno schema che mostra le relazioni tra i personaggi migliorabili tramite lo scambio di regali o tra un combattimento e l’altro.
Avere una buona relazione sarà fondamentale per poter sbloccare alcuni ricordi dei personaggi tramite i Dialoghi Empatici, accessibili solo avendo nel party i giusti membri e il livello d’intesa richiesto, per questo motivo molti di essi andranno rivisitati successivamente, arricchendo così la longevità del gioco.

Infine un’aggiunta di Xenoblade Chronicles Definitive Edition è la finestra contenente le informazioni dei personaggi, dall’età al cibo preferito.

Xenoblade Chronicles Definitive Edition

Tra strade principali e bivi

Composto da un prologo e 17 capitoli riguardanti solo la storia principale, Xenoblade Chronicles Definitive Edition ha il potere di far perdere al giocatore la cognizione del tempo, facendolo immergere a capofitto all’interno del gioco tra battaglie, trama, esplorazioni, missioni e personalizzazione dei personaggi che andranno a riempire anche lo spazio che riguarda il post-game.

Per quanto riguarda le missioni secondarie, presenti in grande quantità lungo le località e i percorsi del corpo del titano, sono divise in due tipologie.
In primo luogo sono presenti quelle missioni che consistono nella raccolta di particolari oggetti, evidenziati a volte dalle visioni di Shulk, qualora quell’oggetto servisse per una missione non momentaneamente attiva.
Invece l’altra tipologia che richiede più tempo e presenta una maggiore difficoltà, ricompenserà il giocatore con premi più ricchi.
Sarà proprio il giocatore a scegliere quali sono più convenienti da svolgere nel corso dell’avventura principale e quali tralasciare per poi dedicarvisi con calma una volta finito il gioco.

Xenoblade Chronicles Definitive Edition

Infine l’ultima parte che va ad aumentare la longevità del gioco è la possibilità, probabilmente anche la curiosità, di ritornare in un determinato percorso per affrontare quei mostri che risultavano essere di gran lunga più forti del proprio personaggio e che di conseguenza si è stati costretti ad evitare.
A proposito di questo, il titolo evidenzia in modo chiaro quanto il mostro nelle vicinanze sia più potente rispetto alla propria squadra; essi sono contrassegnati da un piccolo segnale colorato, che va dal nero, che equivale a essere una minaccia minima, al rosso, che sottolinea un distaccamento di 10 o 20 livelli rispetto al personaggio con la quale si sta giocando.
Oltre a questo fattore, alla tipologia di mostri si aggiungono alcune caratteristiche specifiche, come quelli che attaccano a vista o quelli sensibili al rumore, per questo anche l’essere cauti tra un percorso e l’altro sarà vantaggioso.

Un Futuro Comune

[…]Per tutti gli abitanti di questo mondo: che tutti possano decidere del proprio futuro!

La più grande e attesa novità di Xenoblade Chronicles Definitive Edition è l’aggiunta del capitolo “Un Futuro Comune” (Future Connected) che oltre a incrementare l’esperienza di gioco, fornirà diverse ore in più che andranno ad arricchire la longevità del titolo.

Ambientato 1 anno dopo gli eventi principali, questa storia vedrà come protagonisti Shulk e Melia, accompagnati da nuovi personaggi sia primari sia secondari e inoltre si svolgerà in una zona del tutto inedita, la Spalla di Bionis.
Il contenuto aggiuntivo presentato da questa edizione definitiva narra di una capitale imperiale, Alcamoth (ex dimora di Melia), ora sotto il controllo di una nuova grande minaccia.
Toccherà a Shulk, Melia e i loro nuovi amici riportare la pace in questo luogo, tra personaggi di cui fidarsi e altri alquanto misteriosi…
Sebbene la trama si mostri distaccata e inizialmente un po’ confusa, è risultata essere più piacevole rispetto alla storia principale, in quanto si è dimostrata più leggera e profonda.

Un Futuro Comune si concentra maggiormente sui personaggi analizzandone il loro aspetto psicologico, a dimostrazione di ciò viene presentata Melia che è in cerca di risposte riguardo al destino che è stato scelto per lei, Shulk pieno di dubbi sul quale sia il suo scopo ora che non ha più visioni e un piccolo Nopon di nome Kino che sogna di diventare un valoroso eroe come suo padre.
In questo capitolo tutti collaboreranno per donare un futuro a tutti gli uomini, eliminando le minacce che possono mettere a repentaglio questo ideale.

Per quanto riguarda quest’espansione in sé, sono presenti alcune significanti differenze che la contraddistinguono dall’avventura principale.
Innanzitutto si assisterà alla sparizione delle abilità e di tutte le loro caratteristiche, infatti in questo capitolo inedito sarà possibile potenziare esclusivamente le tecniche, che assieme al sistema di combattimento rimangono pressoché invariate.
A sostituzione dei Dialoghi Empatici e del Diagramma d’Intesa, c’è una nuova modalità di dialogo chiamata “Confidenze“, che risultano essere più semplice da sbloccare in quanto fin da subito verranno mostrati i requisiti necessari.

Infine l’ultima variante, la più significativa, è la sostituzione dell’Assalto di Gruppo con l’attacco a opera dei Ponspettori, personaggi aggiuntivi di questo capitolo.
I Ponspettori sono dei Nopon esploratori che una volta reclutati tramite le missioni secondarie potranno fornirci molto aiuto durante le battaglie, tra cui curare le ferite, infliggere malus al nemico e direttamente attaccare.

Per concludere, Un Futuro Comune è un contenuto extra molto apprezzabile sia per la trama sia per la presenza di alcune musiche del tutto nuove.

Considerazioni Finali

Riassumendo tutto ciò che è stato detto, Xenoblade Chronicles Definitive Edition presenta una storia principale rinnovata e adatta a tutti, oltre a un contenuto aggiuntivo più rilassante.
Un titolo che mette in evidenza l’amicizia e l’esserci per il prossimo, il giocatore si ritroverà ad affezionarsi ai personaggi e a condividere con loro gioie e dolori, in un’avventura in cui il lavoro di gruppo è fondamentale.

Inoltre, adesso, con questa nuova edizione sarà possibile rivivere la storia di Xenoblade Chronicles in qualunque momento, grazie alla possibilità di rivedere tutti i filmati e le varie scene dei dialoghi senza dover necessariamente ricominciare il gioco dall’inizio.
Questa opzione non si limiterà esclusivamente alla visione dei filmati, ma di ciascuno di essi si potrà cambiare il look dei personaggi, il tempo climatico e l’orario della giornata.

Xenoblade Chronicles Definitive Edition

Detto ciò, siete pronti per farvi conquistare dalla storia di Xenoblade Chronicles e ad affrontare le avventure di Shulk, alle prese con la Monade e dei suoi amici.
Xenoblade Chronicles Definitive Edition è già disponibile sul Nintendo eShop al prezzo di 59,99€.
Ora il futuro di tutti gli abitanti della terra di Bionis è nelle vostre mani.

Voto: 9.5

Trama interessante
Varietà di personaggi
Resa grafica
Longevità del gioco
Sistema di combattimento: anche se originale, a lungo andare rischia di diventare scomodo e confusionario
Offerte Instant Gaming
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Articolo di Alessia Mazzeo
Tocca per altri articoli