...

Fledgling Heroes, Recensione: un'avvincente avventura tra penne e piume

Fledgling Heroes, Recensione: un'avvincente avventura tra penne e piume

Metti mi piace!
3 1

Una spensierata epopea messa in scena da piccoli pennuti variopinti e con tanto coraggio da vendere, quasi degna di essere solennemente narrata in un poema epico su console (come del resto, poi, avviene): così si potrebbe definire Fledgling Heroes, piccolo capolavoro videoludico sviluppato e pubblicato dalla casa di programmazione australiana Subtle Boom Pty Limited.

Rilasciato nel settembre dello scorso anno come applicazione per dispositivi dotati di sistema operativo iOS, questo vivace e simpatico platform d’avventura sbarca ora su Nintendo Switch, scortando il giocatore sulle ali dell’entusiasmo dei suoi protagonisti in un colorato e vivido mondo e guidandolo attraverso esso tra fauci fameliche, sciabole affilate, palle di ghiaccio, trappole infernali e anfratti angusti verso una missione e un obiettivo ammirevoli: difendere e salvaguardare la vita dei più deboli!

Canta, o augello, dei caimani e delle lucertole il giusto flagello

La storia che corre alla base dei numerosi livelli di Fledgling Heroes conquista al primo impatto gli esploratori che decideranno di imbarcarsi in questa particolare avventura, catapultandoli in una dimensione avventurosa e sognante: dopo un breve antefatto narrativo, presentato da un filmato di gioco atto a mostrare al giocatore l’ambientazione nella quale dovrà barcamenarsi, nonché i personaggi di cui sarà chiamato a vestire i panni, la trama avanza veloce a suon di rime e brillanti giochi di parole, riportati in schermate fisse corredate da magnifiche illustrazioni.

Biscuit, il protagonista di Fledgling Heroes

Facciamo così la conoscenza di Biscuit, un giovane esemplare di pappagallo Ara, che vive spensierato e felice in compagnia della sua famiglia in un caldo e assolato arcipelago tropicale. Questo stormo di pappagalli, però, non è l’unica popolazione ad abitare le stupende isolette di questo paradiso ricolmo di sabbia e palme, bagnato da acque cristalline: sul suo generoso suolo, in effetti, si sono stabilite delle arcigne e malvagie luceRRRtole pirata, avide di cibo e bramose di tesori, le quali non hanno dimostrato alcuno scrupolo nel prendere in ostaggio alcuni coniglietti indifesi e nel disperdere impunemente la felicità che regnava per terra e per cielo.

Per porre rimedio a questa malaugurata sciagura e dietro i saggi consigli del suo piumato babbo, Biscuit intraprenderà senza timore la sua nobile impresa, imparando a volare come un vero pappagallo per poi librarsi tra le nubi e i flutti e liberare le dorate isolette e i suoi teneri abitanti dalla squamosa minaccia, colpendo a suon di beccate le zucche degli indesiderati bucanieri verdi.

Arcipelago dei pirati

In questo viaggio verso la pace, però, il giovane pappagallo variopinto non sarà certo solo: sull’arcipelago, infatti, giungerà una piccola pinguinotta di nome Penny, con una grande ambizione nel cuore: diventare una piratessa modello, non cattiva come le spregevoli luceRRRtole, ma libera e generosa come si conviene a una cucciola così graziosa.

Avanzando inesorabili di spiaggia in spiaggia e di mare in mare, i due mostreranno tutto il loro valore e ardore: solo dopo aver incontrato e sfidato un tremendo drago sopito nelle profondità dell’arcipelago, Biscuit e Penny raggiungeranno il loro intento, sfruttando anche l’aiuto inaspettato del loro gigantesco avversario.

L’aver ristabilito la serenità tra le isole del loro paradiso tropicale non porrà certo fine alle avventure dei nostri coraggiosi pennuti: un portale ultra-dimensionale, in effetti, condurrà il giovane Ara in altri mondi, dove altri impavidi compagni lo attendono, così come lo aspettano nuovi pericoli e malvagie creature da battere.

I Fledgling Heroes

Stringeremo, in questo modo, amicizia con la scattante e rapida quaglia Lucky e con la timida e paurosa civetta Whisper, nonché con i due inseparabili amici e rivali Pablo il martin pescatore e Toto la tucana, con i quali il giocatore dovrà riportare ordine in una valle popolata dalle fate e tra le rovine di un insediamento azteco, sgominando bande di rettili a sangue freddo e diventando letteralmente dei Fledgling Heroes, vale a dire degli “uccellini eroici”.

Vola e plana senza tregua e raggiungi la sospirata meta

Per tutto il corso del lungo e corposo viaggio in Fledgling Heroes (il giocatore, in effetti, potrà muoversi e districarsi tra ben 96 livelli, al fine di completare tutti e tre i mondi in cui è strutturata e articolata l’avventura principale di questo vivace titolo videoludico) non saranno richiesti molti comandi da tenere a mente: di fatti, per poter avanzare di scenario in scenario, il giocatore in questo platform d’avventura non dovrà fare altro che utilizzare il touch screen del proprio Nintendo Switch.

Pigiando sullo schermo della propria console, in effetti, si consentirà al piumato eroe di turno di sbattere le ali e, a seconda di quanto rapidamente si premerà, si trasmetterà l’intensità e la velocità del moto con il quale questi si muoverà nell’ambientazione in cui è calato. Facendo, infine, una pressione costante sul display, si otterrà un movimento uniforme nell’andatura del personaggio, che si servirà delle capacità di planare di ciascun uccellino.

Pablo

Proprio la differenza tra specie a cui ciascun pennuto appartiene sarà un fattore di cui il giocatore dovrà tenere particolarmente conto nel procedere delle sue avventure: ciascun uccellino, infatti, si muoverà nel suo modo unico e peculiare (Penny, ad esempio, nuoterà da esperto pinguino qual è, Lucky utilizzerà molto di più le sue zampette poderose di quaglia, mentre Pablo potrà esclusivamente innalzarsi tra le correnti per poi venire giù in picchiata come farebbe ogni martin pescatore) e, per questo motivo, occorrerà assecondare ognuno nel suo originale stile di volo per raggiungere la meta prevista e venire a capo del livello.

Tempismo, perizia e tanta pazienza saranno gli ingredienti basilari per realizzare la perfetta chiave del successo che consentirà al giocatore di compiere qualsiasi impresa: un minimo movimento inconsulto o una pressione di troppo potrebbero compromettere irrimediabilmente il cammino verso il traguardo, costringendo l’eroe a tornare indietro al punto di partenza o presso i trespoli di salvataggio, che comunque sono ben posizionati lungo ciascun percorso di gioco.

Whisper

All’interno di ciascun livello, poi, va detto che tra ostacoli di qualunque genere e avversari verdognoli dotati di armi di varie tipologie (stocchi, funi, bacchette incantate, stivali magici e bocche da fuoco) occorrerà raccogliere piume d’oro e progetti di differente genere, sparsi e nascosti qua e là per ogni tragitto: mentre le prime consentiranno di abbattere le porte chiuse che ostacolano il giocatore nel procedere verso ulteriori livelli, i secondi permetteranno di sbloccare i vari elementi che compongono il viaggio di Fledgling Heroes, utili per ideare i propri personali percorsi con i quali sfidare gli altri esploratori del titolo videoludico.

Nel complesso è possibile distinguere tre differenti categorie di livelli: quelli tradizionali, nei quali bisognerà solamente evitare le barriere e i nemici che si frapporranno sulla strada che conduce alla meta fissata, le gare a tempo, in cui occorrerà essere più veloci del tempo stabilito sfruttando tutti gli acceleratori disseminati sul percorso, e le incursioni infinite, dove si dovrà cercare di spingersi il più lontano possibile nelle ambientazioni predisposte.

I boss di Fledgling Heroes

Tutti i livelli presenteranno delle ardue missioni da completare, che una volta portate a termine consegneranno all’eroe ulteriori piume d’oro, e ogni scenario culminerà in uno scontro diretto contro un mastodontico boss finale, rappresentato da un drago differente a seconda del mondo in cui ci si trova (si spazia dal lungo drago orientale al variopinto Quetzalcóatl azteco, passando per la mostruosa creatura raffigurata nella cultura medievale europea): per sconfiggerlo bisognerà volare più veloce del leggendario essere in un livello conclusivo che rappresenterà la sintesi perfetta delle precedenti tipologie di gioco.

Ammira i colori della Storia e del Darwinismo e metti a frutto il collezionismo

Il comparto grafico di Fledgling Heroes è un’altra notevole nota di merito di questo titolo videoludico, che si dimostra in grado di coinvolgere a dovere il giocatore calandolo in scenari curati in misura quasi maniacale e colorati di tinte accese e sgargianti: la posizione di ogni componente in ciascun percorso non è mai banale o casuale, ma ha alle spalle tutto un progetto e un obiettivo, che colui che si cimenta in questa avventura deve scoprire e smascherare al fine di non incorrere in una rovinosa fine contro qualche ostacolo o avversario.

Peraltro, il viaggio tra i vari livelli non risulta essere semplicemente una corsa verso un traguardo e il sogno di ciascun eroe piumato, ma contiene al suo interno dense e profonde citazioni al nostro mondo e a quello che è stato, comunicandole con la semplicità e la disinvoltura che sono proprie di questi animali animati: ciascun mondo, in effetti, rimanda chiaramente a un esatto riferimento a un periodo preciso della nostra Storia, ricreato con minuzia e attenzione nelle ambientazioni e nei personaggi.

Nella fattispecie, l’arcipelago richiama l’epoca d’oro della pirateria con le sue bandane colorate e i suoi scrigni del tesoro, la valle delle fate rievoca l’epoca medievale e il suo timore verso la magia e, infine, le rovine azteche ricorda le civiltà precolombiane e lo sbarco dei conquistadores spagnoli con i loro elmi luccicanti e le loro armi da fuoco.

Inoltre, come già detto, tutti gli elementi presenti nell’avventura principale potranno essere impiegati per realizzare il proprio personale tracciato, sfruttando i progetti racimolati nei vari livelli attraverso l’editor incluso nel platform, rappresentato da un metallico dirigibile denominato LAB, nel quale si potranno studiare vari percorsi sotto la guida dell’eccentrico inventore Chip e mettere, così, alla prova i propri amici e tutti gli uccellini del mondo.

LAB

Sempre in questo laboratorio, inoltre, il giocatore avrà la possibilità di creare la propria versione di piumato eroe, selezionando i colori che più gradisce e applicandoli sul piumaggio delle diverse parti del corpo del pennuto. C’è da dire che, così come i progetti, anche i colori si dovranno conquistare nelle avventure della storia principale, nelle quali ci saranno già anche uccellini fatti e realizzati con varianti variopinte differenti dai colori predefiniti.

Anche la musica risulta essere abbastanza curata: diversi motivi allegri e incalzanti scandiscono il viaggio nei differenti scenari, coinvolgendo ancor di più il giocatore in questo vivace mondo e aiutandolo a trovare il ritmo per superare le svariate difficoltà che gli si pareranno davanti.

Personalizza il tuo pennuto in Fledgling Heroes

Tocca lo schermo se non vuoi rimanere fermo

Dopo essere stato concepito come gioco per iPhone e dispositivi Apple, Fledgling Heroes è migrato ora su Nintendo Switch, rimanendo tuttavia fedele alle sue origini: di fatti, questo titolo videoludico sfrutta la console della casa di Kyoto adoperandone esclusivamente lo schermo, lasciando pressoché inoperative tutte le altre funzionalità di cui essa dispone.  

Proprio per questa ragione, l’esperienza di gioco è stata condotta esclusivamente in modalità portatile, dalla quale sono stati rimossi anche i Joy-Con, dato che si è ritenuto essere questo il modo migliore per fruire pienamente del viaggio attraverso questo platform d’avventura.

Game Over Fledgling Heroes

È sotto questo aspetto che si può ravvisare un punto debole del gioco: la sensibilità del touch screen non sempre asseconda il movimento che il giocatore vorrebbe imprimere al moto del suo eroe piumato e questi finisce, dunque, per andare incontro a ostacoli che non riuscirà a evitare, costringendolo a tornare indietro e a ricominciare da capo.

Va, inoltre, detto che piume d’oro e progetti sono disposti in maniera tale da rendere l’avventura sempre più difficile e, alle volte, occorrerà affrontare ripetutamente un singolo livello per riuscire a racimolarli tutti, diventando questo forse l’obiettivo più arduo da raggiungere e realizzare.

Conclusioni

Fledgling Heroes propone un’avventura davvero avvincente e accattivante, ricca di riferimenti significativi e ambientazioni spettacolari, divertendo il giocatore con un viaggio pieno di mille colori e rompicapo da risolvere e conquistandolo con le personalità decise e incrollabili dei suoi protagonisti, che lo accompagneranno da livello a livello fino alla fine.

Certo, coloro che decideranno di affrontare questa avventura dovranno fare i conti con difficoltà sempre crescenti, che metteranno a debita prova le loro abilità, ma non si finirà mai per essere frustrati o demotivati e non si desidererà mai di abbandonare il gioco prima della sua conclusione, essendo ogni obiettivo fattibile e ogni livello completabile con le giuste dosi di impegno.

Chip

Brillante risulta essere, infine, la possibilità di personalizzazione, che consentirà a ciascuno di mettere a frutto le proprie doti creative e la propria inventiva con la costruzione di livelli originali con i quali si potranno mettere alla prova le abilità degli esploratori di tutto il mondo.

Per chi volesse vivere un’avventura particolare ed emozionante librandosi con le ali di coraggiosi uccellini o per chi amasse coloratissimi giochi a scorrimento orizzontale o per chi semplicemente desiderasse mettere alla prova le proprie capacità di tempismo e precisione, questo titolo e vivamente consigliato: Fledgling Heroes è disponibile sul Nintendo eShop dal 7 maggio al modico prezzo di 8,99€.

Voto: 8

Storia ben studiata e avvincente
Sapiente uso dell’arte grafica e musicale
Ambientazioni dettagliate e ricche di riferimenti
Difficoltà ben dosate
Brillante possibilità di personalizzazione
Poca praticità del touch screen
Disposizione non sempre chiara degli strumenti
Cosa ne pensi? Facci sapere la tua sulla nostra chat Telegram, sul Forum o sui canali Social!
Offerte Instant Gaming
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Articolo di Giovanni Imperio
Tocca per altri articoli