Recensioni

[RECENSIONE] Parallel, un indie di collaborazione e sincronismo per Nintendo Switch

Nintendo Switch ad oggi presenta un catalogo ricchissimo di titoli indie di svariato genere e, nel cercare un gioco che rispecchi appieno le proprie esigenze, i giocatori possono navigare in mezzo a un vero e proprio oceano prima di trovare ciò che cercano. Noi di Pokémon Millennium vogliamo parlare oggi di un titolo preso proprio dall’universo indie: Parallel, un puzzle-rompicapo di origine italiana realizzato da Polymad Games. Il gioco è stato reso disponibile esclusivamente sul Nintendo eShop della console ibrida di nona generazione da parte della casa torinese 34BigThings.

Le meccaniche di gioco alla base di Parallel sono molto semplici e intuitive, e sono abbastanza chiare già dall’osservazione di alcune immagini. Lo schermo di gioco è diviso orizzontalmente in due mondi differenti e che non offrono mai alcun punto d’incontro. Sono a tutti gli effetti due linee parallele: nel mondo superiore è presente un quadrato blu, mentre in quello inferiore un quadrato viola. Queste due figure dovranno collaborare tra loro in perfetta sincronia. Per esempio, saranno presenti lungo i percorsi di gioco alcuni blocchi rettangolari di colore azzurro o verde, che potranno essere attivati da uno dei due quadrati, ma a trarne beneficio sarà il quadrato compagno. Questi blocchi, infatti, se spostati in uno dei due mondi (per muoverli è sufficiente posarcisi sopra) permetteranno l’avanzamento del quadrato che si trova nel mondo opposto, bloccando i fasci laser che, altrimenti, colpirebbero il giocatore provocando il game over. Soltanto la collaborazione perfetta dei due quadrati permetterà di portare a termine i brevi livelli a scorrimento orizzontale che compongono Parallel. Sarà impossibile proseguire nel livello focalizzando la propria attenzione esclusivamente su uno dei due quadrati, in quanto la coordinazione tra i due è fondamentale per il superamento dei vari ostacoli che si incontreranno nel corso della partita.

Il tutto va chiaramente fatto tenendo conto del tempo: lo scopo di Parallel è infatti il completamento dei livelli nel minor numero di secondi possibile. L’intero gioco è suddiviso in tre dimensioni, ciascuna delle quali offre 10 livelli. Ogni livello presenta due tempi specifici da dover battere: uno argento e uno oro, esattamente come nella famosa saga di Crash Bandicoot. Una volta che si riesce a battere tutti i tempi d’argento di una specifica dimensione si sblocca un livello aggiuntivo, e lo stesso vale per i tempi d’oro.

Durante i vari percorsi sono presenti alcuni comodi checkpoint, che permettono al giocatore di poter riprendere da quel preciso punto la propria gara a tempo in caso di fallimento. Nel momento in cui un giocatore riproverà più volte lo stesso livello senza ritornare nel menu principale, il checkpoint salverà anche il tempo totalizzato fino a quel momento. Se invece si deciderà di abbandonare il livello, il checkpoint verrà cancellato e si ricomincerà il livello dall’inizio, con il conseguente azzeramento del tempo.

Il controllo dei due quadrati è affidato ai Joy-Con, uno per ciascuno dei quadrati. I controller di Nintendo Switch devono essere tenuti separati e sono autonomi. Il giocatore si muove verso destra o sinistra utilizzando la levetta analogica e saltando con i dorsali. In questo modo, un giocatore può controllare entrambi i quadrati in parallelo, uno per ogni Joy-Con.

Dover controllare ambedue le figure geometriche, andando a coordinare quindi il movimento di un quadrato rispetto all’altro e/o l’azione di salto del primo per, ad esempio, far procedere il secondo lungo il suo cammino, risulta estremamente impegnativo. La difficoltà maggiore è evitare di confondere i due quadrati che, dovendosi muovere in sincronia, devono compiere azioni complementari per superare i percorsi. Eseguire un comando sul quadrato del mondo di sopra, per esempio, anziché su quello di sotto comporta inevitabilmente il game over e il ritorno all’inizio del livello oppure all’ultimo checkpoint. La modalità di gioco in singolo risulta, quindi, estremamente complessa e sono necessari molto impegno e la massima coordinazione per riuscire nell’impresa.

Paradossalmente, nonostante il gioco sia stato inizialmente progettato per la meccanica single player, è molto soddisfacente giocare in due persone. Condividendo i Joy-Con, due giocatori devono controllare un solo quadrato a testa e gli sforzi si dimezzano, ma diventa importante la collaborazione di entrambi. La modalità multi-giocatore permette anche di trovare qualcuno a cui dare la colpa in caso di continue morti nei punti più ostici dei percorsi!

Una nota d’apprezzamento va fatta anche alla grafica, minimale ma efficace e perfetta per lo stile del videogioco, che presenta colori vivaci e accesi garantendo un’ottima resa. Anche la musica di gioco è perfetta per l’ambiente e non stona in nessun modo con gli eventi o l’ambientazione generale.

Un particolare ringraziamento va fatto ai redattori che hanno provato questo gioco e contribuito di fatto alla realizzazione di questa recensione: Martina LemboVivian Vallet.

Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..

 

Offerte Amazon

Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Articolo di Andrea Mezzavilla

Offerte Amazon

Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..

Entra nella nostra community

Scorri in su e in giu per gli altri articoli (o fai tap qui)