...
Nintendo vince la causa sul copyright contro i venditori di dispositivi pirati

Nintendo vince la causa sul copyright contro i venditori di dispositivi pirati

Metti mi piace!
0 2

Giungono notizie di una nuova grandissima vittoria da parte di Nintendo, e questa volta in ambito legale. Si è conclusa proprio recentemente, infatti, la causa che la nota azienda di Kyoto mosse diverso tempo fa contro uno dei più importanti venditori di dispositivi modificati illegali, portando a casa un importante successo in diritti sul copyright e con allegato un più che generoso risarcimento in denaro.

nintendo risarcimento

Secondo  quanto riportato da fonti ufficiali, Nintendo ha definitivamente chiuso la questione che la vedeva coinvolta in una causa legale contro Jeramie King e il suo Go Cyber Shopping Ltd., azienda venditrice di dispotivi di modding pirati. La Corte Federale Canadese ha sentenziato a favore di Nintendo of America, riconoscendo i diritti sul copyright alla nota compagnia videoludica e classificando tutti quei prodotti, quali flashcarts e modchips (tra i menzionati, Sky3DS e Gateway 3DS), venduti dall’azienda di King, come dispotivi illegali e perseguibili per legge.

La grande N ha dunque ottenuto un risarcimento pari a 12.76 milioni di dollari più un ulteriore milione aggiuntosi per danni punitivi. Da questa esemplare vittoria (apparentemente la prima nella storia della legge canadese sul Copyright Act’s Anti-Circumvention) lo stesso King ha colto l’occasione per scusarsi ufficialmente, tramite il proprio sito web, con Nintendo e con i suoi sviluppatori e partners, dichiarandosi mortificato per i danni che ha provocato all’immagine e all’economia dell’intera compagnia videoludica.

In merito a questo clamoroso successo legale, si è espresso anche Devon Pritchard, General Counsel di Nintendo of America e Senior Vice President del Business Affairs, che ha pubblicamente dichiarato:

“Nintendo continua ad essere un leader mondiale nel portare nuove piattaforme videoludiche e software innovativi a tutti i fan e ai milioni di giocatori sparsi per il mondo. Nintendo ha stabilito un record [n.d.r. con questo successo legale] che dimostra quanto sia forte la volontà di proteggere i nostri iconici personaggi ed il nostro intero franchising. E continueremo a proteggere tutte le opere creative dei nostri sviluppatori, e a far valere vigorosamente i nostri diritti di copyright nei confronti di chiunque tenti di rubare queste stesse opere o di farne un uso improprio.”

Stando a quanto dichiarato dalla grande N, King ha venduto per anni molti dispositivi pirati e modchip tramite un negozio fisico e vari siti web, offrendo persino dei serivizi di modifica alle stesse componenti hardware delle console firmate Nintendo. Va da sé che, usufruendo di tali dispositivi e di modifiche mirate, i giocatori erano così in grado di eludere i sistemi di sicurezza della console, e di scaricare e giocare a copie illegali di moltissimi videogiochi, agendo in questo modo contro i diritti d’autore e di marchio della compagnia di Kyoto.

Fortunatamente per Nintendo, la situazione si è conclusa definitivamente nel migliore dei modi, e le scuse mosse dallo stesso Jeramie King serviranno probabilmente da monito per chiunque continui ancora a perpetrare danni all’immagine e al marchio dell’azienda nipponica, ormai da decenni leader di un mercato videoludico in continua evoluzione.

 

Offerte Instant Gaming
Caricamento..
Caricamento..
Caricamento..
Articolo di Redazione
Tocca per altri articoli