Giochi

Ecco cosa pensa Niantic su chi bara e usa i trucchi in Pokémon GO!

Il CEO di Niantic John Hanke è stato recentemente intervistato dalla nota rivista straniera Forbes. Nell’intervista sono stati toccati svariati punti riguardanti Pokémon GO, tra cui uno dei temi caldi: i trucchi, andiamo a scoprire cosa ne pensa la mente che ha guidato il progetto di Pokémon GO!

niantic_logo

Hanke ha aperto l’intervista rivelando che Pokémon GO senza Ingress non sarebbe stato possibile, o meglio ne sarebbe uscita una versione che a suo parere non avrebbe riscontrato lo stesso successo attuale. Infatti molte parti del gioco, come gli stessi eventi che determinano Pokémon, Pokéstop o Palestre, sono basati su dati e tecnologia sviluppati per Ingress, senza dire che la creazione di queste meccaniche è stata possibile grazie alla familiarità con la realtà aumentata ottenuta appunto con il precedente gioco di Niantic.

Hanke ha inoltre confermato che il team è al lavoro per sviluppare nuove caratteristiche, tra le quali l’introduzione dei molti Pokémon mancanti e degli eventi organizzati per Allenatori. 

Cosa ne pensa su coloro che cercano di barare, come ad esempio la persona che ha messo su un trenino modello il telefono e l’ha fatto girare intorno a casa?

John Hanke: Per covare le uova? Beh si è un tipo di imbroglio, ma è creativo e divertente, non ho nulla in contrario per questo genere di cose.

Il tema poi trattato è stato quello dei trucchi. Inizialmente, molto ironicamente, Hanke ha parlato dei metodi per schiudere le uova, come quelle del giradischi o del trenino modello diventate virali sula rete, lodandone l’ingegno e scherzandoci sopra. Quello che preoccupa invece il CEO sono i trucchi informatici, ottenuti manomettendo l’applicazione, gli stessi server o ricorrendo a strumenti di terze parti, sui quali Niantic prenderà provvedimenti seri, in quanto essi ledono i termini e le condizioni accettate al primo avvio del gioco. Altro tasto dolente per Hanke sono state le basse performance dei server nei primi giorni. Ora però, ha assicurato, lo staff tecnico è attrezzato per far fronte a qualsiasi problema futuro nel migliore dei modi.

L’idea con i giochi in realtà aumentata è quella di un modello di pubblicità profondamente integrata a questa tecnologia… in modo da non rovinare l’esperienza di gioco.

In conclusione si è parlato del grande numero di giocatori che ha superato ogni stima calcolata. Analizzando i dati, Hanke ha rivelato che gran parte dei giocatori sono di natura occasionale, avvicinati da ricordi d’infanzia o dal passaparola degli amici. Gli sviluppatori di Niantic si aspettavano una decina di milioni di utenti entro la metà del prossimo anno. Al contrario il gioco si avvicina sempre di più al traguardo dei 100 milioni! Altro tema di chiusura è stato quello degli accordi commerciali, come McDonald’s, definiti come un nuovo modo per diversificare il business evitando che si basi solo sugli acquisti in-app.

E voi, cosa ne pensate?

Articolo di Redazione

Speciali

Commenti

...
Burno 03/08/2016 15:06:11

Quel tardis.

 

L'invidia.

...
MegaGengarX 03/08/2016 17:49:45

Penso di volere quel Tardis...

...
Darki200 03/08/2016 19:04:27

Hanno pensato anche al fatto che una grande porzione di quelli che barano sono costretti a farlo?

Tutti i commenti

Entra nella nostra community

Scorri in su e in giu per gli altri articoli (o fai tap qui)