Film 5 – Pokémon Heroes

Segui E3 2019

Informazioni generali:

F05_LogoENG

Pokémon Heroes è il quinto lungometraggio dedicato alla serie animata Pokémon, terzo ed ultimo della saga di Johto. Il film ha debuttato nelle sale cinematografiche giapponesi il 13 luglio 2002, diretto da Kunihiko Yuyama. È stato successivamente distribuito in DVD sempre in territorio nippinico dal 20 dicembre del 2002.

Negli Stati Uniti, il film è stato proiettato a partire dal 16 maggio 2003, mentre in Italia dal 22 novembre 2005, ed è stato distribuito assieme al cortometraggio Il campeggio di Pikachu, durante il quale appaiono alcuni Pokémon appartenenti alla terza generazione, come Wynaut.

Trama:

In una biblioteca  Annie e Ocly, due membri del Team Rocket, leggono un libro che racconta di una leggenda di Altomare, una città situata su un’isola a sud di Azalina, nella regione di Johto. Dopo poco, però, sono costrette a scappare dal posto per colpa di una guardia e salgono sulla loro auto. Intanto, le due discutono della leggenda. L’ultimo capitolo del libro da loro rubato spiega la manovra per far funzionare il “Meccanismo Difensivo di Altomare“. Questa macchina sembra essere l’arma più potente che sia mai esistita e che serva la Gemma dell’Anima per alimentarla, un gioiello che contiene l’anima del leggendario Pokémon Latios.

Ci ritroviamo proprio ad Altomare dove si sta per svolgere una gara a cui parteciperanno anche Ash e Misty, che consiste nel percorrere nei canali della città trainati da un Pokémon d’acqua.  Ash usa il suo Totodile mentre Misty sceglie Corsola. Ad un certo punto della gara, Ash cade in acqua e Latias e Latios, invisibili, lo aiutano a non farsi male, prendono il controllo del mezzo di Ash e di Totodile e corrono velocissimi verso il traguardo. Purtroppo però sbagliano percorso, e Ash perde, ma la gara è vinta da Misty e Corsola che guadagnano uno splendido medaglione in premio. Per complimentarsi, Ross, uno dei concorrenti, offre al gruppo un giro turistico in gondola in modo da far ammirare ai nostri eroi la città di Altomare. Misty osserva meglio la medaglia ricevuta in premio e nota che presenta due figure assomiglianti ai Pokémon che appaiono in due statue della città. Ross le spiega allora che sono Latias e Latios, i guardiani della città. Dopo aver salutato Ross, decidono di andare a mangiare un gelato, ma Pikachu si allontata per un momento con l’intento di andarsi a rinfrescare. Incontra Latias trasformata appunto in una ragazza, Bianca. Ash corre da Pikachu per poi tornare subito dagli altri, la ragazza gli gira attorno incuriosita e poi se ne va. Annie e Ocly, servendosi di uno strano strumento, tentano di trovare i due Pokèmon leggendari (difficili da notare poiché possono prendere le sembianze degli umani). Dopo un po’, riescono a trovare Latias, proprio la ragazza che avevano incontrato poco prima Ash e Pikachu, e la raggiungono per catturarla. Decidono allora di attaccarla con i loro Pokémon Ariados ed Espeon. Pikachu avverte il pericolo e corre verso la ragazza, e insieme ad Ash la aiutano utilizzando il Fulmine per poi scappare, lasciando perdere le proprie tracce e tornando casualmente da Misty e Brock. Intanto, la ragazza era sparita.

Ash e gli altri decidono di visitare il museo di Altomare e vedono due fossili dei Pokémon che un tempo minacciavano la città: Kabutops e Aerodactyl. Mentre la guida del museo parla del Meccanismo Difensivo di Altomare, Ash vede la stessa ragazza che aveva salvato poco prima dai membri del Team Rocket e inizia a seguirla. Lei afferma di non conoscerlo, ma Ash anche se stupito continua ad inseguirla. Ash perde di vista Bianca e incontra la vera ragazza che aveva salvato, ovvero Latias, che lo invita a seguirla fino a “casa sua”, ovvero un parco. Ora, arrivano Latios e Bianca che li identificano come intrusi, ma arrivano il nonno Lorenzo (nonché la guida del museo) e Latias che cercano di calmare le acque. Latias rivela il suo vero aspetto e, mentre i due eoni giocano insieme, il nonno spiega all’allenatore che i due Pokémon possono assumere qualsiasi aspetto ed è per questo che Latias e Bianca erano identiche. Hanno anche un altro potere, la Condivisione Visiva, con la quale Latios può trasmettere agli altri ciò che vede. Raccontò poi che il loro padre, Latios, morì per salvare la città e al suo posto rimase la Gemma dell’Anima e i suoi figli, appunto Latios e Latias. Vicino alla fontana dove è immersa, c’è anche uno schema che spiega il funzionamento del Meccanismo Difensivo. La gemma non deve mai uscire dall’acqua perché potrebbe distruggere la città se finisse in cattive mani ed è per questo che il luogo in cui si trova deve restare segreto.

Ash e Pikachu tornano dai loro compagni, mentre Annie e Ocly continuano a spiarli scoprendo purtroppo il parco. Bianca accompagna l’allenatore che, durante il viaggio, le chiede perché le due ragazze l’avessero aggredita. Lei risponde che non le è mai accaduto niente e si rendono conto che quella era Latias. La sera, Annie manda il suo Espeon a mettere fuori gioco il nonno con l’attacco Psichico. Subito dopo, vanno a catturare i due eoni con reti speciali e, alla fine, riescono a prendere solo Latios, poiché Latias riesce a fuggire proprio grazie al fratello. Poi, rubano la Gemma dell’Anima e traducono lo schema scoprendo che l’uso del Meccanismo provocherà il ritiro delle acque e la distruzione della gemma.

Poco dopo, Bianca e Lorenzo si accorgono della scomparsa del gioiello e si dirigono verso il museo preoccupati. Annie e Ocly sono già arrivate e posizionano Latios sul Meccanismo che comincia ad azionarsi intrappolando il Pokémon in una gabbia volante. A questo punto, Bianca e il nonno arrivano e le avvertono del pericolo, ma le due li ignorano e li attaccano con Psichico di Espeon per poi intrappolarli nella rete creata da Ariados. Inseriscono anche la gemma che accende completamente il sistema. Nello frattempo, Latias raggiunge Ash e i suoi compagni nel Centro Pokémon della città, spaventata. Latios usa la Condivisione Visiva in modo che Latias possa vedere ciò che sta accadendo e trasmette tutto alla sorella e amici. Ocly, intanto, entra nel pannello di controllo del Meccanismo e, per iniziare, fa risorgere i fossili dei due Pokémon malvagi, Aerodactyl e Kabutops, ordinando loro di portarle Latias.

Latios perde la Condivisione, ma ad Ash è bastato ciò che ha visto ed è deciso a salvare la città. Ocly, intanto, ordina che la città venga chiusa e subito si formano inferiate per tutte le strade. Fortunatamente però, Ash riesce a sfuggirne gettandosi in acqua prima che si chiudano e, con una gondola, vanno verso il museo, seguito da Latias. Durante il percorso, incontrano Aerodactyl e Kabutops che cercano di catturare il Pokémon, ma con l’aiuto di Pikachu e i Pokémon di Misty e Brock mandati dal Pokémon Center, Ash riesce a sconfiggerli. A questo punto, Ocly vuole travolgerli con potenti ondate che quasi li annegano, ma Latias, grazie ai suoi poteri, riesce a fermarla. Il pannello del Meccanismo si distrugge, perdendo ogni controllo. I nostri amici raggiungono il museo e liberano Bianca, Lorenzo e Latios. Appena quest’ultimo viene tolto, il Meccanismo si ferma e Brock e Misty raggiungono il gruppo. Annie, che era stata a guardare per tutto il tempo, cerca di prendere la gemma, diventata ormai nera, ma viene scagliata via da un’enorme scossa elettrica che fa scoppiare il gioiello e il Meccanismo perde nuovamente il controllo rinchiundendo le due allenatrici nel pannello. Lorenzo spiega che la gemma è stata fuori troppo tempo dalla fontana e che ora le acque si ritireranno. La città ormai è all’asciutto, ma l’acqua tornerà presto sottoforma di una gigantesca onda che travolgerà la città. Ma Latios e Latias, avvolti da una strana luce, la bloccano prontamente, salvando la città. Latios, seguendo le orme del padre, ha deciso di sacrificarsi per salvare la città. Le acque riemergono, le inferiate vengono eliminate, i Pokémon malvagi tornano fossili e Annie e Ocly rimangono intrappolate nel Meccanismo.

Il giorno dopo, i nostri amici cercano i due eoni per mare e riescono a trovare Latias grazie ad un Mantine e due Chinchou che li raggiungono portando portando il Pokémon. Bianca chiede allora dove sia Latios e lei le fa capire che è morto. Latias attiva la Condivisione Visiva. I nostri amici vedono la Terra dall’alto. Nelle mani di Bianca si forma una nuova Gemma dell’Anima che, poi, posa nella fontana, con la commozione di tutto il gruppo.
Ash e i suoi amici se ne devono andare e vogliono salutare Bianca, ma non la trovano. Dopo poco, sono già in viaggio su un motoscafo e la vedono correre con qualcosa in mano. Accostano, Ash le va incontro e la ragazza le consegna un disegno, dando un bacio sulla guancia ad Ash. Il disegno ritrae Ash e Pikachu assieme. Il gruppo riprende il viaggio, ma… la ragazza era Bianca o era Latias?

Curiosità:

  • È il primo film a non avere come sigla iniziale un remix della sigla della serie animata, ma una versione completa di Believe in Me.
  • Il regista Kunihiko Yuyama si è ispirato alla città italiana di Venezia nella creazione di Altomare. Questo spiega anche perché alcune persone dicono “ciao” oppure “arrivederci” all’interno del film anche in altre lingue, così come i nomi di Bianca e Lorenzo.
  • È il primo film in cui un Pokémon muore per sempre, ovvero Latios.
  • Immagini di Mewtwo, Lugia, Entei e Celebi sono nascoste all’interno del film, in riferimento ai Pokémon protagonisti dei precedenti film.
  • È il primo film in cui il Team Rocket non influenza sull’andamento della storia e non ha contatto con i protagonisti principali.
  • È uno dei primi film Pokémon ad essere stato distribuito in Blu-Ray, in una doppia confezione assieme al sesto film Pokémon: Destiny Deoxys (Fratello dallo Spazio) nel maggio 2011 negli Stati Uniti.